Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta, scommesse online: resta in carcere ex manager Betuniq

Rassegna Stampa

'Ndrangheta, scommesse online: resta in carcere ex manager Betuniq

scommese online betuniqLa motivazione del Tdl sulla posizione di Mario Gennaro
Reggio Calabria. “Esistono concreti pericoli di reiterazione delle condotte criminose, desumibili dall’allarmante capacità criminale dimostrata dall’associazione in termini di uomini, mezzi, professionalita', intimidazione”. Per questo Mario Gennaro deve restare in carcere. E’ secca e lascia ben pochi margini all’interpretazione la motivazione con cui il Tribunale del riesame ha rispedito al mittente l’istanza di annullamento dell’ordinanza e contestuale scarcerazione presentata dai suoi legali per Mario Gennaro, ex picciotto dei Tegano, trasformato dal clan nel manager di riferimento dell’immensa lavatrice nascosta dietro il sistema del betting online. Un’organizzazione cresciuta e sviluppatasi per i giudici “giovandosi dell’apporto finanziario delle cosche di ‘ndrangheta e dello strumentario tipico della criminalita' locale. Le investigazioni dimostrano l’appartenenza a cosche di ‘ndrangheta egemoni sul territorio ma anche figure estranee a coloriture tipicamente mafiose, come i master, i manager a Malta, i titolari di sale giochi”.

Un’organizzazione complessa, costruita a uso e consumo delle ‘ndrine, ricordano i giudici valorizzando le rivelazioni del pentito Enrico De Rosa, il quale ha spiegato che “le organizzazioni hanno usato spesso le giocate effettuate nelle agenzie di scommesse gestite direttamente per riciclare proventi illeciti. Se la puntata risultava perdente, l’incasso era tutto del punto vendita collegato ai clan, se era vincente il denaro veniva versato a uno scommettitore affiliato”. Anche per i giudici del Tribunale del Riesame, Gennaro dunque e’ il “coordinatore della struttura commerciale dedita alla diffusione con metodo mafioso sul territorio del brand promossi dall’associazione criminale, come confermano numerose intercettazioni telefoniche. La criminalita’ organizzata locale – tramite la capacità commerciale dell’associazione – si vedeva così garantiti notevoli introiti economici nonché la possibilità di riciclare denaro”.

E cosi’ come uomo di ‘ndrangheta e’ Gennaro, cosa di ‘ndrangheta era la Betuniq. “L’associazione – si legge nelle motivazioni - utilizzava sistematicamente siti illeciti e occulti e la raccolta a terra dei centri trasmissione dati. Dietro lo schermo di siti muniti di regolari concessioni, l’associazione diffondeva al pubblico siti con suffisso.com”. Solo un paravento era inoltre il tentativo di Gennaro di acquisire una concessione dei Monopoli di Stato, necessaria esclusivamente “per un’apparenza di legalità formale, che avrebbe reso piu’ semplice il funzionamento del sodalizio: la strategia era una serrata battaglia giudiziaria condotta attraverso tutti i provvedimenti che riguardavano le singole agenzie sequestrate”.

ilVelino/AGV NEWS 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa