Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: rimane per ora in carcere il boss Pantaleone Mancuso

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: rimane per ora in carcere il boss Pantaleone Mancuso

Catanzaro. Il boss Pantaleone Mancuso, 68 anni, detto "Vetrinetta" Resta per ora in carcere. Il pm della Dda di Catanzaro Pierpaolo Bruni ha infatti espresso parere negativo all'istanza di sostituzione della misura cautelare per motivi di salute presentata dall'avvocato difensore Leopoldo Marchese. Per il magistrato appare necessario prima che il gip competente disponga una perizia sulla compatibilità dello stato di salute del boss Mancuso con il regime carcerario. Di tutt'altro avviso era stato, invece, il tribunale di Vibo Valentia. Venerdì, infatti, durante l'udienza del processo Balck money in cui è imputato "Vetrinetta" era stata depositata la comunicazione inviata dal carcere di Tolmezzo con cui i sanitari del carcere friulano attestavano la grave malattia che ha colpito Mancuso. I giudici avevano quindi deciso di concedere al boss i domiciliari, nonostante il parere contrario della pubblica accusa rappresentata dal procuratore aggiunto Marisa Manzini che aveva chiesto una perizia. Lo stesso magistrato, nella precedente udienza, aveva sottolineato come Pantaleone Mancuso tra il 2011 e il 2012 avesse mantenuto rapporti con un ministro di culto autorizzato a prestare assistenza religiosa presso l'istituto carcerario di Tolmezzo. Una vicenda che però secondo i giudici vibonesi non consente di "desumere l'esistenza di contatti tra l'imputato e il personale sanitario dell'ospedale di Tolmezzo, della struttura carceraria e con il direttore di quest'ultima".

Nonostante la decisione del Tribunale di Vibo il boss non aveva comunque potuto lasciare il carcere venerdì perché detenuto anche per l'indagine, coordinata dalla Dda di Catanzaro e scattata il 20 luglio scorso, sul traffico di reperti archeologici. Venerdì stesso l'avvocato Marchese ha quindi avanzato richiesta di sostituzione della misura cautelare al competente gip di Catanzaro che sabato mattina ha quindi informato la Procura capoluogo. Come detto, dalla Dda è arrivato parere negativo alla scarcerazione del boss "Vetrinetta", se non dopo l'espletamento di una perizia. Tra l'altro il nome del boss di Limbadi, secondo quanto si è appreso, figurerebbe nell'elenco di affiliati ai clan vibonesi per i quali il pm Bruni, così come aveva già fatto per gli esponenti delle cosche cosentine, ha chiesto il regime del 41 bis, il cosiddetto carcere duro.

Pentito: dovevamo tagliargli testa

Doveva essere non solo ucciso ma pure decapitato con un'accetta il boss della 'ndrangheta vibonese Pantaleone Mancuso, detto "Scarpuni", con la testa che doveva essere conservata dai rivali quale "trofeo". A svelare stamane in videoconferenza la preparazione del delitto eccellente è stato il nuovo collaboratore di giustizia, Raffaele Moscato, killer del clan dei Piscopisani (rivale dei Mancuso) che da 5 mesi sta collaborando con la Dda di Catanzaro svelando inediti retroscena sugli assetti criminali della 'ndrangheta. Deponendo in videoconferenza con il Tribunale Vibo Valentia nel processo "Black money" contro il clan Mancuso, il pentito ha spiegato che il "locale" di 'ndrangheta di Piscopio (frazione di Vibo Valentia) aveva decretato la morte del boss Mancuso durante una riunione svoltasi in una scuola di Vibo in costruzione. Alla riunione avrebbero partecipato anche esponenti di una frangia dello stesso clan Mancuso ostile al boss Pantaleone Mancuso. L'agguato doveva essere portato a termine a Nicotera Marina con un furgone rubato qualche giorno prima in un centro commerciale di Lamezia Terme. Il boss non passo' pero' dal luogo in cui doveva essere ucciso e l'agguato saltò. Al centro dello scontro fra Mancuso ed i Piscopisani, oltre alla faida che vedeva opposti il clan Patania di Stefanaconi ai clan di Piscopio, ci sarebbe stato pure il controllo criminale dell'area di Vibo Marina.

lametino.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa