Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: traffico reperti archeologici, Dda presenta ricorso

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: traffico reperti archeologici, Dda presenta ricorso

26 agosto 2015
Vibo Valentia. La Dda di Catanzaro ha presentato appello dinanzi al Tribunale del Riesame avverso l'ordinanza con la quale il gip distrettuale, Abigail Mellace, nell'ambito dell'inchiesta "Purgatorio 3" scattata il 20 luglio scorso, ha rigettato le richieste della Procura distrettuale in ordine alle misure cautelari avanzate nei confronti di una presunta associazione per delinquere dedita al traffico di reperti archeologici con al vertice il boss di Limbadi Pantaleone Mancuso, 68 anni, detto “Vetrinetta".
Oltre al reato di associazione per delinquere, la Dda aveva chiesto delle misure cautelari per l'ipotesi di reato di concorso esterno in associazione mafiosa, oltre all'aggravante delle modalita' mafiose nella commissione di altri reati legati al traffico di reperti archeologici che sarebbero stati trafugati, attraverso scavi clandestini, dall'antico tempio della ninfa Scrimbia a Vibo Valentia. L'appello proposto dalla Dda interessa: Giuseppe Tavella, 54 anni, di Vibo Valentia; i presunti finanziatori dell'associazione, Francesco Staropoli, 56 anni, di Nicotera, commerciante di auto a Vibo Valentia, e Gaetano Scalamogna, 55 anni, avvocato di Vibo; Pietro Proto, 53 anni, di Vibo Valentia ma residente a Ricadi; Giuseppe Bragho', 68 anni, di Vibo Valentia, archeologo, indicato come "anello di congiunzione per la vendita e l'esportazione dei reperti illecitamente trafugati".

lametino.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa