Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Strage Duisburg, parla Gratteri: "Faide come vulcani, si svegliano anche dopo un secolo"

Rassegna Stampa

Strage Duisburg, parla Gratteri: "Faide come vulcani, si svegliano anche dopo un secolo"

gratteri-nicola-c-giorgio-barbagallo13 agosto 2015
"Nelle faide non c'è mai la parola fine, la parola fine c'è quando una delle due famiglie viene distrutta o quando succede una pace con un matrimonio. A suggellare la pace è sempre il sangue. Le faide sono come vulcani spenti, pronti a risvegliarsi anche dopo un secolo". Ne è convinto Nicola Gratteri, magistrato e scrittore, dal 2009 procuratore aggiunto a Reggio Calabria. A otto anni dalla strage di Duisburg , ultimo eccidio maturato nell'ambito della faida di San Luca, risolta dal punto di vista investigativo, il procuratore sottolinea all'Adnkronos che le indagini e "gli arresti sono un fatto relativo nella logica delle faide".

"Non è l'arresto che ne impedisce la prosecuzione ma sono i rapporti e i chiarimenti che possono intervenire nel momento - spiega Gratteri - La strage è avvenuta il 15 agosto 2007 e a settembre dello stesso anno in occasione della Festa della Madonna di Polsi l'elite della 'ndrangheta ha imposto la paceperché i delitti all'estero sono un grave danno, fanno troppo rumore".

Quanto all'evoluzione della 'ndrangheta, dai tempi della strage di Duisburg a oggi, sottolinea Gratteri, "c'è stato un aumento del traffico di droga, un maggiore potere e maggiori forza, visibilità epresenza nella pubblica amministrazione perché la 'ndrangheta vota e fa votare". E sulla presenza al nord, il magistrato sottolinea che questo "è un fatto di 40 anni fa e non di oggi, la 'ndrangheta è in Lombardia da 40 anni, in Emilia Romagna da 25. Le mafie al nord non sono una novità degli ultimi anni".

Adnkronos

Foto © Giorgio Barbagallo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa