Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: arresti per estorsione, sequestro beni per 1,5 mln

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: arresti per estorsione, sequestro beni per 1,5 mln

13 agosto 2015
Catanzaro. Arrestati dalla Polizia di Stato otto esponenti di spicco delle cosche Gallelli e Procopio-Mongiardo attive nel versante ionico del Catanzarese.
Effettuato anche un sequestro preventivo d'urgenza di beni per un valore di un milione e mezzo di euro. Le indagini coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro, hanno permesso di accertare che gli indagati, nel corso di 20 anni, estorcevano ingenti somme di denaro a un imprenditore impegnato in diversi lavori pubblici e proprietario di un rinomato villaggio turistico. Parallelamente, il G.I.CO. della Guardia di Finanza di Catanzaro ha dato esecuzione ad un sequestro preventivo d'urgenza di immobili e quote societarie per un valore di un milione e mezzo di euro contestando a carico di alcuni degli indagati il reato di intestazione fittizia di beni. I provvedimenti cautelari emessi a seguito dell'attivita' di indagine svolte dalla Squadra Mobile di Catanzaro hanno riguardato Vincenzo Gallelli, Andrea Santillo, Gerardo Procopio, Michele Lentini, Maurizio Gallelli, Mario Mongiardo Fiorito Procopio e Andrea Cosentino. Alcuni degli indagati erano gia' oggetto di provvedimenti restrittivi perche' indagati per associazione a delinquere di stampo mafioso. Le contestazioni riguardano anche estorsioni imposte con il metodo della percentuale sull'importo dei lavori per l'aggiudicazione di gare per appalti pubblici. Nello specifico, l'imprenditore era stato costretto a versare il 3% di un totale di circa 500mila euro per la costruzione di un sottopasso ferroviario nel comune di Sant'Andrea Apostolo dello Ionio. I dettagli dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa prevista per le 11.00 presso la Questura di Catanzaro cui parteciperanno i magistrati inquirenti e gli investigatori.

AGI

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa