Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Venne ucciso più di trent'anni fa. Scatta la prescrizione per il reato

Rassegna Stampa

Venne ucciso più di trent'anni fa. Scatta la prescrizione per il reato

cosenza-tribunale18 aprile 2015
E' la storia di Pompeo Panaro, ex vice sindaco di Paola (Cosenza) che nel 1982 venne scambiato per una spia e freddato dai sicari. Un omicidio senza mandanti, senza esecutori materiali e da oggi senza più accusati
Cosenza. Un omicidio commesso 33 anni fa e per il quale c'era un solo accusato. Oggi però interviene la prescrizione e quell'accusato è stato assolto. E' la storia che racconta sul Quotidiano del Sud di oggi Marco Cribari. La vittima di quell'omicidio fu Pompeo Panaro, un consigliere comunale della Dc di Paola (CS), della quale era stato anche vicesindaco. Era il 1982, quando fu ucciso dalla ’ndrangheta per un tragico errore. L’unico finito sotto accusa per la sua morte, il boss pentito Giuliano Serpa, è stato assolto, come detto, per intervenuta prescrizione del reato mentre il pm della Dda Pierpaolo Bruni aveva chiesto nove anni di reclusione. Una recente sentenza della Cassazione ha stabilito che per i delitti commessi prima dell’entrata in vigore della Legge Cirielli, in presenza di attenuanti concesse all’imputato, anche l’omicidio può rientrare nei crimini “estinti”. E nel caso di Serpa, ovviamente, le attenuanti erano rappresentate dal suo status di collaboratore di giustizia.

In tutti questi anni non è stato possibile incriminare mandanti ed esecutori materiali: alcuni sono ormai defunti, per altri non c’erano riscontri alle indicazioni date dal pentito.

Panaro era titolare di un negozio di generi alimentari a Paola. Ignorava che in un appartamento limitrofo al suo locale, si nascondesse un latitante della ’ndrangheta. I fiancheggiatori di quest’ultimo andavano spesso da Panaro ad acquistare vettovaglie e, quando i carabinieri fecero irruzione nell’appartamento, arrestando la primula, si misero a caccia del delatore che aveva fatto la soffiata ai carabinieri. Per ragioni imperscrutabili, i sospetti caddero su Panaro. Gli rubarono l’auto e, 24 ore più tardi, lo attirarono in un tranello con il pretesto di restituirgliela. Ad attenderlo, invece, c’era un colpo di pistola che gli trapassò il cuore. Fu sepolto, ma i cani fecero scempio del suo corpo, suggerendo agli assassini di tornare sul posto e completare il lavoro con l’acido. Di lui restò solo un osso, ritrovato già nel 1984 e custodito nella cappella di famiglia fino al 2007, quando gli esami del Dna confermarono ciò che già si sapeva: che per Pompeo Panaro non ci sarebbe stata giustizia.

ilquotidianoweb.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa