Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Rassegna Stampa

'Ndrangheta, beni per 2 milioni di euro sequestrati alle cosche

gdf-web24Operazione della Gdf, sigilli ad aziende e terreni
4 novembre 2014
Beni per 2 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Crotone nei confronti delle cosche della 'ndrangheta. I sequestri hanno riguardato Martino Cariati, di 34 anni, ritenuto dagli inquirenti vicino alla cosca 'Farao-Marincola', e Vincenzo Comberiati (57), di Petilia Policastro, esponente dell'omonima 'famiglia'. Il sequestro è stato disposto dal Tribunale di Crotone, che ha accolto la richiesta del Procuratore di Catanzaro, Vincenzo Antonio Lombardo.

I provvedimenti di sequestro sono stati adottati sulla base dell'esito di indagini patrimoniali svolte, su delega della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, dal nucleo Polizia tributaria e dalla Compagnia della Guardia di finanza di Crotone. In particolare nei confronti di Martino Cariati il sequestro riguarda beni per un milione e 400 mila euro. Dalle indagini patrimoniali è emersa una consistenza patrimoniale non compatibile con i redditi dichiarati. Sono state sequestrate 3 aziende (un'attività di commercio all'ingrosso di alimentari e due esercizi di commercio al dettaglio di biancheria), un appartamento a Cirò Marina, cinque fabbricati ad Umbriatico e due terreni, oltre ai rapporti bancari intestati a Cariati ed ai familiari. La seconda operazione, che ha riguardato Vincenzo Comberiati, ha portato al sequestro di beni per 600 mila euro. In particolare sono stati apposti i sigilli a 21 terreni agricoli a Petilia Policastro per un'estensione di oltre 17 ettari; due terreni a Mesoraca; tre fabbricati ancora a Petilia Policastro; tre autovetture e rapporti bancari e postali.

ansa.it