Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta, beni per 2 milioni di euro sequestrati alle cosche

Rassegna Stampa

'Ndrangheta, beni per 2 milioni di euro sequestrati alle cosche

gdf-web24Operazione della Gdf, sigilli ad aziende e terreni
4 novembre 2014
Beni per 2 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Crotone nei confronti delle cosche della 'ndrangheta. I sequestri hanno riguardato Martino Cariati, di 34 anni, ritenuto dagli inquirenti vicino alla cosca 'Farao-Marincola', e Vincenzo Comberiati (57), di Petilia Policastro, esponente dell'omonima 'famiglia'. Il sequestro è stato disposto dal Tribunale di Crotone, che ha accolto la richiesta del Procuratore di Catanzaro, Vincenzo Antonio Lombardo.

I provvedimenti di sequestro sono stati adottati sulla base dell'esito di indagini patrimoniali svolte, su delega della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, dal nucleo Polizia tributaria e dalla Compagnia della Guardia di finanza di Crotone. In particolare nei confronti di Martino Cariati il sequestro riguarda beni per un milione e 400 mila euro. Dalle indagini patrimoniali è emersa una consistenza patrimoniale non compatibile con i redditi dichiarati. Sono state sequestrate 3 aziende (un'attività di commercio all'ingrosso di alimentari e due esercizi di commercio al dettaglio di biancheria), un appartamento a Cirò Marina, cinque fabbricati ad Umbriatico e due terreni, oltre ai rapporti bancari intestati a Cariati ed ai familiari. La seconda operazione, che ha riguardato Vincenzo Comberiati, ha portato al sequestro di beni per 600 mila euro. In particolare sono stati apposti i sigilli a 21 terreni agricoli a Petilia Policastro per un'estensione di oltre 17 ettari; due terreni a Mesoraca; tre fabbricati ancora a Petilia Policastro; tre autovetture e rapporti bancari e postali.

ansa.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa