Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Procuratore Reggio Calabria, 'ndrangheta può inquinare voto

Rassegna Stampa

Procuratore Reggio Calabria, 'ndrangheta può inquinare voto

elezioni-regionali-effBindi, rafforzeremo Codice etico per la formazione delle liste
di Valentina Roncati - 18 settembre 2014
Roma. Il procuratore capo della Repubblica a Reggio Calabria, Federico Cafiero De Raho, lo ha detto senza mezzi termini: "C'è un elevato pericolo di contaminazioni e inquinamento", di collusione, insomma "tra 'ndrangheta e politica, data la pericolosità delle infiltrazioni, che sono a livelli altissimi". E dato che le prossime elezioni il Calabria sono fissate a brevissimo - il 23 novembre le regionali e il 26 ottobre quelle per il rinnovo dell'amministrazione comunale di Reggio Calabria - l'allarme lanciato oggi durante un'audizione del procuratore davanti alla Commissione parlamentare antimafia, non è da poco. "La 'ndrangheta ancora comanda e controlla il territorio in modo talmente pressante da condizionare l'espressione del voto. Il nostro sforzo per le prossime elezioni sarà di sostenere il voto libero attraverso controlli frequenti che possano consentire al cittadino di esprimersi liberamente e di ostacolare forme di condizionamenti e di intimidazioni da parte della 'ndrangheta", ha chiarito il procuratore De Raho. "E' necessario - ha proseguito Cafiero De Raho - che la politica si muova e sostenga un percorso di cambiamento che si sta verificando a Reggio Calabria. La 'ndrangheta decenni anni fa era silenziosa, non aveva contrasto da parte delle istituzioni ma delle sponde. Da tempo le cose sono cambiate e questo è avvertito dalla gente".

Il presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi, rispondendo al procuratore, ha assicurato che la Commissione "segnalerà agli organi competenti la necessità di rafforzare le vostre sedi, dotandole di strumenti e personale. E' giusto fare la nostra parte perchè Reggio Calabria e la Regione possano avere vertici che non debbano rendere conto a nessuno, men che meno ai poteri mafiosi". Bindi ha quindi annunciato che la Commissione parlamentare Antimafia rafforzerà il Codice etico per la formazione delle liste. "La Commissione nella precedente legislatura - ha detto Bindi - aveva elaborato un codice etico per formare le liste che vorremo rafforzare già a partire dalla prossima settimana. Credo sia giusto - ha aggiunto - presentare il nuovo codice etico a Reggio Calabria. Non è uno strumento cogente, ma può smuovere le coscienze, affinchè si sentano impegnate a fare liste specchiate con persone che non vogliono voti della mafia e della 'ndrangheta. E' emblematico e simbolico - ha concluso Bindi - che la commissione Antimafia faccia la sua parte. La nostra collaborazione può essere importante". Cafiero De Raho si è poi soffermato sul Fondo di solidarietà per le vittime di estorsione ed usura, sottolineando che "la normativa non soddisfa, perchè consente una sospensione della scadenza sui debiti solo per 300 giorni, senza possibilità di proroga".

"Bisogna intervenire e dare sì ragione al creditore ma dando un aiuto effettivo alla vittima di estorsione e usura. Il sussidio alla vittima infatti arriva con molto ritardo e a scaglioni così il soggetto non è in grado di pagare il creditore e al termine dei 300 giorni la capacità della vittima di fare fronte ai crediti non è ristabilita". Rispondendo infine ad una domanda di un parlamentare sulla nuova formulazione del 416 ter, il procuratore ha risposto che "le indagini attuali le fanno sulla base del 416 bis ma laddove ci sono i presupposti ci sarà più facile lavorare, sicuramente".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa