Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Arrestato il boss della 'ndrangheta Bruno Palamara, era tra i 100 latitanti più pericolosi

Rassegna Stampa

Arrestato il boss della 'ndrangheta Bruno Palamara, era tra i 100 latitanti più pericolosi

palamara-bruno17 luglio 2014
Nuovo colpo inferto alla 'ndrangheta. Il boss Bruno Palamara, 51 anni, esponente dell'omonimo clan Palamara-Staiti, è stato arrestato sulla A3 all'altezza di Sala Consilina, in direzione nord, dagli uomini della Polizia Stradale.

Ricercato da tempo - L'arresto è avvenuto su indicazione degli investigatori della Squadra mobile di Reggio Calabria e del Servizio Centrale operativo della Polizia, da tempo sulle sue tracce.

Tra i 100 latitanti più pericolosi - Palamara, inserito nell'elenco dei 100 latitanti più pericolosi, viene considerato dai magistrati di Reggio Calabria e di Roma elemento di vertice della 'ndrangheta, in quanto broker in Europa del traffico di stupefacenti.

Stupefacenti nel Nord Europa - Secondo le indagini dello Sco, l'uomo operava tra il Belgio, l'Olanda e la Germania, curando le rotte del Nord Europa del traffico internazionale di stupefacenti.

E' il terzo boss arrestato nel 2014 - Bruno Palamara è il terzo boss della 'ndrangheta arrestato dalla Polizia di Stato dai primi mesi del 2014. Il 28 aprile, a Santo Domingo, fu infatti catturato Nicola Pignatelli, 43 anni, latitante inserito nell'elenco dei 100 ricercati più pericolosi dal ministero dell'Interno, ed elemento di vertice del clan Mazzaferro, di Gioiosa Ionica.

Nel giugno scorso, in Perù, era invece finito in manette un altro latitante calabrese, il narcotrafficante Pasquale Bifulco, 41 anni, elemento di spicco della cosca Ietto-Cua, di Careri, in provincia di Reggio Calabria.

Nel 2013, tra gli altri arresti eccellenti spicca la cattura in provincia di Alessandria, il 20 aprile, di Sebastiano Strangio, 38 anni, boss della cosca Nirta-Strangio di San Luca, e fratello di Maria, uccisa nella strage di Natale del 2006, che innescò la faida tra le cosche di San Luca.

Pochi giorni dopo, il 25 aprile, a Medellin, venne tratto in arresto Domenico Trimboli, 59 anni, tra gli uomini al vertice della cosca Cua-Rizieri, operante nella Ionica calabrese. Il 20 settembre, in Olanda, fu catturato Francesco Nirta, 39 anni, della cosca Nirta-Strangio, di S. Luca.

Tutti gli arresti si inseiscono in un contesto criminale comune, quello del traffico internazionale di stupefacenti, in Europa e nel resto del mondo, in particolare Santo Domingo, Venezuela e Colombia, dove da tempo sono proiettati gli interessi delle cosche della 'ndrangheta ionico-reggina.

Adnkronos

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa