Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria ‘Ndrangheta, inchino processione: don Pino De Masi, “ho cacciato i boss 25 anni fa”

Rassegna Stampa

‘Ndrangheta, inchino processione: don Pino De Masi, “ho cacciato i boss 25 anni fa”

de-masi-pino8 luglio 2014
“Io il problema l’ho risolto 25 anni fa. Quando i mafiosi sono venuti a dirmi che volevano organizzare la processione della Madonna della Catena li ho mandati via. Mi hanno pure minacciato, ma chi se ne frega“. Don Pino De Masi (in foto) fa il parroco a Polistena, centro della piana di Gioia Tauro ma soprattutto parte della diocesi di Oppido-Palmi, finita nella bufera per il presunto “inchino” tributato al boss Mazzagatti durante la processione di qualche giorno addietro. Don Pino, referente di “Libera”, l’associazione contro le mafie, per la piana, rifiuta l’etichetta di una Chiesa piegata ai desiderata dei capi clan. “Dico subito – afferma cortese e riflessivo conversando con l’Agi,- che episodi come quello di Oppido vanno condannati, riprovati e sono intollerabili. Ma si tratta di un episodio, perche la purificazione delle processioni e’ iniziata da tempo“. “Non si tratta, dice don Pino, di fatti inediti“. “Sono episodi non nuovi - spiega - e un tempo frequenti. Ma c’e’ di positivo che sono sempre piu’ rari. Quindi – risponde – il clamore nasce proprio dal fatto che sono sempre piu’ rari, mentre prima erano frequenti e tollerati – spiega – perche’ non c’era ancora la piena consapevolezza della mafia come peccato sociale. Ma la Chiesa – sottolinea – su questo e’ chiara: non puo’ esserci nessuna corrispondenza fra il vangelo e la mafia“. La scomunica di Papa Bergoglio indirizzata il 21 giugno scorso proprio dalla terra di Calabria, a Cassano Ionio, dice il sacerdote, “e’ per noi un punto di non ritorno. Da una parte un richiamo ai mafiosi, un monito a cambiare; dall’altro un invito ala Chiesa affinche’ proceda su questa strada piu’ speditamente. Serve una prassi pastorale nelle chiese. Cosa che, del resto, ci chiede la gente“. Dunque l’idea di una chiesa connivente e’ sbagliata? “Non bisogna fare di tutte le erbe un fascio – spiega don Pino – Il cammino e’ iniziato. Certo, bisogna continuare con i fatti. E i fatti sono la purificazione delle processioni, le cooperative agricole avviate sui terreni confiscati alla ‘ndrangheta in tutta la piana di Gioia Tauro. Il vescovo monsignor Luciano Bux, predecessore di quello attuale – fa rilevare – ha voluto la costruzione di una chiesa su un terreno confiscato a Gioia Tauro. Cosi’ come un segno del cambiamento – prosegue – sono le colonie estive che tolgono i ragazzi dalle strade e rappresentano palestre di legalita‘”. Le processioni organizzate dalle ‘ndrine, dunque, sono un fenomeno in declino. “In alcune realta’ della diocesi – dice - i comitati per le feste patronali sono stati esautorati e all’organizzazione provvede direttamente il consiglio pastorale. Occorre guardare al positivo che si sta facendo. La scomunica del Papa ai mafiosi – ripete – e’ un punto di non ritorno“.

strettoweb.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa