Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: Polizia sequestra beni per sette milioni euro

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: Polizia sequestra beni per sette milioni euro

polizia-web5Provvedimento Dda Reggio eseguito in Calabria e Lombardia
15 marzo 2014
Reggio Calabria. La Polizia di Stato, a conclusione di un'attività d'indagine coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, ha sequestrato beni per un valore di sette milioni di euro a due appartenenti alla cosca Gallico della 'ndrangheta, che ha la sua base operativa a Palmi e ramificazioni nel nord Italia. Il sequestro è stato fatto in esecuzione di un provvedimento emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della Dda reggina. Oggetto del sequestro beni immobili, mobili e società aventi sede nelle province di Reggio Calabria e Como, oltre a polizze assicurative e conti correnti. I proprietari dei beni sequestrati sono un avvocato, Vincenzo Minasi, di 58 anni, ed un imprenditore, Pasquale Mattiani, di 51, dalla polizia di Stato in esecuzione di un provvedimento emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria. Minasi e Mattiani, secondo quanto è detto in un comunicato della Questura di Reggio Calabria, "sono ritenuti contigui alla cosca di 'ndrangheta dei Gallico". Il provvedimento di sequestro trae origine dai nuovi filoni dell'operazione "Cosa mia", risalente al giugno del 2010, ed è il risultato delle indagini coordinate dalla Dda di Reggio Calabria. Secondo l'accusa, l'avvocato Minasi è stato ritenuto, nell'ambito dell'operazione "Cosa mia", "consigliori" della famiglia Gallico e curatore dei suoi interessi economici. Il legale, secondo l'accusa, ha costituito, tra l'altro, società sia nel nord Italia che all'estero con lo scopo di acquistare immobili in nome e per conto della cosca. A Minasi, in particolare, sono stati sequestrati diversi beni mobili e immobili e società in Lombardia e Calabria, oltre a due edifici a Como ed un fabbricato e due appezzamenti di terreno ed un altro palazzo in due centri della stessa provincia, Alserio e Fino Mornasco; due terreni a Rizziconi (Reggio Calabria) di oltre 30 mila ettari; le quote sociali ed il patrimonio aziendale di una società con sede ad Alserio che opera nel settore della ristorazione e di un'altra società che gestisce un'attività di intermediazione e consulenza per la cessione e l'affitto di beni mobili ed immobili ed aziende. Sempre a Minasi sono stati anche sequestrati tre veicoli, tra cui una Jaguar ed un fuoristrada, due polizze assicurative e vari conti correnti.  Per quanto riguarda l'imprenditore Mattiani, il sequestro, riguardante una lussuosa villa a Palmi, fa seguito ad analoghi provvedimenti eseguiti nel novembre e nel gennaio scorsi di società e numerosi beni mobili e immobili tra cui due alberghi a quattro stelle, il Grand Hotel del Gianicolo, a Roma, e l'Hotel Arcobaleno a Palmi.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa