Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: arresto funzionari polizia Vibo, sei nuovi indagati

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: arresto funzionari polizia Vibo, sei nuovi indagati

28 febbraio 2014
Vibo Valentia. E' destinata a far segnare nuovi sviluppi l'inchiesta che ha portato all'arresto dell'ex capo della squadra mobile di Vibo Valentia Maurizio Lento, del suo vice Emanuele Rodanò e dell'avvocato Antonio Galati, per presunti favori al clan Mancuso di Limbadi. Ci sono infatti anche due finanzieri, un secondo poliziotto (oltre ad Antonino Wlaimiro Pititto sospeso ieri dal servizio dal gip di Catanzaro), un funzionario di banca, un commercialista e un funzionario della Prefettura di Vibo Valentia tra le persone indagate dalla Dda nell'inchiesta "Purgatorio". La loro posizione è in queste ore al vaglio degli inquirenti, per come si evince dall'ordinanza del gip che ricostruisce i tentativi dell'imprenditore vibonese Aurelio Maccarone (indagato in concorso col poliziotto Pititto) al fine di ottenere nel 2011 notizie coperte dal segreto da tali soggetti. Maccarone, secondo il gip, avrebbe infatti avvicinato professionisti e appartenenti alle forze dell'ordine per avere notizie su un'interdittiva antimafia nei confronti della sua famiglia che aveva bloccato un finanziamento statale destinato al proprio villaggio turistico sito a Ricadi (Vv). Gli inquirenti avrebbero documentato l'accesso alla banca dati del ministero dell'Interno da parte di un finanziere di Vibo e un poliziotto all'epoca dei fatti (2011) in servizio alla Squadra Mobile di Forlì al fine di rilevare l'esistenza di notizie di reato sul conto di Antonio Maccarone e del genero Pantaleone Mancuso, detto "Vetrinetta". Tutti, secondo la Dda, si sarebbero "messi in moto" per soddisfare le richieste di Aurelio Maccarone.

AGI

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa