Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria ‘Ndrangheta: Dia, Gioia Tauro resta crocevia traffico cocaina

Rassegna Stampa

‘Ndrangheta: Dia, Gioia Tauro resta crocevia traffico cocaina

6 gennaio 2014
"Nell'ambito del mandamento tirrenico, il porto di Gioia Tauro continua ad essere punto di transito per l'introduzione sul territorio nazionale di cocaina proveniente dal Sud America", con il predominio dei clan Piromalli di Gioia Tauro e Pesce-Bellocco di Rosarno, cosche "oggetto del contrasto investigativo".

È quanto sottolinea la Dia nell'ultima relazione sulla criminalità organizzata. Per quanto riguarda la provincia reggina viene segnalato che il "comprensorio di Sinopoli, Sant'Eufemia e Cosoleto rimane invece sotto l'influenza della famiglia Alvaro", mentre nella "città di Reggio Calabria (mandamento centro) permane la supremazia delle cosche De Stefano, Condello, Libri e Tegano". Nel mandamento ionico "gli elementi di novità" sono invece dati dal fatto che il 6 maggio 2013 sono stati arrestati "22 appartenenti ad una nuova articolazione territoriale di 'ndrangheta denominata locale di Galliciano', frazione aspromontana di Condofuri". I Morabito di Africo per la Dia hanno poi "concentrato i loro interessi sul tratto di costa tra Reggio e Siderno, mentre gli Aquino di Marina di Gioiosa sul tratto fra Siderno e Catanzaro".

Sotto il profilo strutturale, in provincia di Catanzaro le "aree di maggiore interesse permangono quelle del lametino e del soveratese, mentre nel capoluogo perdura l'equilibrio tra le consorterie criminali di più antico insediamento (Costanzo-Di Bona) ed i sodalizi rom molto attivi nel mercato degli stupefacenti".

AGI

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa