Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: pentito Iannello svela retroscena faida Vibonese

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: pentito Iannello svela retroscena faida Vibonese

tribunale-1-web2 dicembre 2013
Vibo Valentia. Omicidi, 'lupare bianche' e faide. Nel processo "Luce nei boschi" contro i clan delle Preserre vibonesi, è stata oggi la volta del pentito Michele Iannello di San Giovanni di Mileto, in provincia di Vibo Valentia, che sta scontando l'ergastolo per l'omicidio di Nicolas Green, il bimbo americano ucciso nel settembre 1994 durante un tentativo di rapina sull'A3. Collegato in videoconferenza col Tribunale di Vibo, Iannello ha rivelato che a uccidere nel 1990 Rocco Maiolo, boss di Acquaro (Vv), sarebbe stato Salvatore Maiolo di Fabrizia su mandato dei fratelli Giovanni e Vincenzo Loielo (coinvolti nel processo "Luce nei boschi") di Geroarne (Vv) che avrebbero chiesto il "permesso" al boss Rosario Fiarè di San Gregorio d'Ippona, centro alle porte di nel Vibo. Il corpo di Rocco Maiolo sarebbe stato sotterrato nei boschi così come quello di Salvatore Maiolo, a sua volta ucciso, secondo Iannello, per volontà di Damiano Vallelunga, boss di Serra San Bruno, e Umberto Maiolo, boss di Fabrizia, nel Vibonese. Vallelunga è stato a sua volta eliminato il 27 settembre 2009 a Riace (Rc), mentre Umberto Maiolo è stato ucciso il 2 agosto 2003 a Gardone Valtrompia (Bs) dal clan Cataldo di Locri (Rc). Salvatore Maiolo, assieme a Iannello, avrebbe inoltre fatto parte del commando che nel 1991 uccise Vincenzo Chindamo, boss di Laureana di Borrello (Rc), in faida contro i clan Cutelle', Mancuso, Mole' e Piromalli.

AGI

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa