Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: Roma, latitante arrestato alla stazione Termini dalla Gdf

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: Roma, latitante arrestato alla stazione Termini dalla Gdf

arresto nirta13 luglio 2013
Roma. La Guardia di Finanza del comando provinciale di Roma ha arrestato alla stazione Termini il latitante calabrese Francesco Nirta, 25 anni. Il giovane, ritenuto contiguo ad esponenti delle cosche di 'ndrangheta Nirta e Mammoliti, era ricercato dal dicembre 2012 ed è stato rintracciato nell'ambito delle attività di monitoraggio tese a verificare la presenza di elementi, anche di spicco, di consorterie criminali sulla piazza capitolina.
Nirta era sfuggito all'esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere per traffico di sostanze stupefacenti emessa, il 4 dicembre 2012, dal Tribunale di Reggio Calabria-Sezione Gip-Gup, ed in carico alla Squadra Mobile di Reggio Calabria e al commissariato di Siderno. Il 25enne, che indossava un vistoso orologio al polso, è stato riconosciuto dagli specialisti dell'antidroga infiltrati tra i pellegrini e i turisti che affollano la stazione. Il giovane è salito a bordo del treno per Reggio Calabria delle ore 13.45. Dopo circa 10 minuti dalla partenza del treno, i finanzieri del Gico lo hanno fermato chiedendogli i documenti.
Nirta ha fornito falsi documenti affermando di tornare a casa per le ferie fin quando, messo alle strette, ha confermato le sue vere generalità. Informata la Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Roma, diretta dal procuratore Giuseppe Pignatone, sono partiti gli accertamenti per individuare e sottoporre a perquisizione il covo romano all'interno del quale il latitante aveva trovato riparo.
Dall'esame della documentazione trovata in possesso del latitante, i finanzieri sono risaliti ad un'abitazione a Roma, in via Manlio Torquato, sottoposta a perquisizione. Nella stessa è stato rinvenuto un dispositivo elettronico per la ricerca di microspie.Il latitante è stato portato a Regina Coeli, a disposizione delle Autorità Giudiziarie di Roma e di Reggio Calabria.

Adnkronos

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa