Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: chiesto giudizio immediato Zambetti e altri 17

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: chiesto giudizio immediato Zambetti e altri 17

La richiesta di giudizio immediato e' stata inoltrata nei giorni scorsi al gip Alessandro Santangelo, lo stesso giudice che lo scorso ottobre aveva disposto gli arresti. Tra gli imputati per cui è stata fatta istanza di immediato ci sono tra gli altri Ambrogio Crespi, il fratello dell'ex sondaggista di Silvio Berlusconi e i presunti boss e affiliati alla 'ndrangheta Eugenio Costantino, Alessandro Gugliotta e Vincenzo Evolo. Per Zambetti le accuse a vario titolo sono concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione e voto di scambio.

Secondo le indagini coordinate dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dal pm D'Amico, l'ex assessore alla Casa del Pirellone avrebbe ottenuto circa 4 mila voti dalla 'ndrangheta in cambio di 200 mila euro in contanti e di assunzioni e promesse di appalti. L'inchiesta aveva accertato tra le altre cose, che la figlia del presunto boss Costantino era stata assunta all'Aler. Zambetti, invece, negli interrogatori si era difeso sostenendo di non aver mai comprato i voti delle cosche, ma anzi di aver subito minacce e di essere stato costretto a pagare e a fare promesse e favori. Secondo l'accusa, ad agire per conto dei vertici della 'ndrangheta in Lombardia sarebbe stati Costanti e l'altro presunto boss Giuseppe D'Agostino. Nell'inchiesta è emersa anche l'ombra delle cosche sul voto di Sara Giudice, (non indagata) la giovane figlia dell'ex consigliere comunale Vincenzo Giudice, che creò la campagna 'anti - Nicole Minetti'. La procura ha stralciato la posizione dei 18 per cui è stato chiesto il rito immediato, mentre per gli altri indagati si procederà con rito ordinario.

ANSA

In foto: Il manifesto elettorale di Domenico Zambetti nel 2010

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa