Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: Dia Catanzaro confisca beni per 1 mln a trafficante droga

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: Dia Catanzaro confisca beni per 1 mln a trafficante droga

dia-web04 gennaio 2013
Roma. La Direzione Investigativa Antimafia di Catanzaro ha confiscato beni per un valore complessivo di circa un milione di euro riconducibili al trentaseienne rossanese, S.G., detenuto presso la Casa Circondariale di Viterbo e condannato in via definitiva alla pena di anni 15 di reclusione per traffico di sostanze stupefacenti ed armi.

Il provvedimento di confisca, spiega una nota della Dia, e' stato emesso, ex art. 12 sexies l. n. 356/92, dal Tribunale di Rossano su conforme proposta avanzata dalla Procura della Repubblica presso quella sede, che ha fatto proprie le risultanze degli accertamenti eseguiti dalla Direzione Investigativa Antimafia di Catanzaro.

In particolare, la Dia di Catanzaro ha confiscato diversi beni immobili, autovetture, un'azienda agricola nonche' rapporti finanziari, per un valore di circa un milione di euro a S.G. ritenuto personaggio contiguo alle organizzazioni 'ndranghetiste del territorio rossanese. Lo stesso sta scontando quindici anni di reclusione per effetto della sentenza emessa dal Tribunale di Rossano nel 2006, a conclusione dell'attivita' d'indagine convenzionalmente denominata ''Ombra''. La condanna, confermata nel 2008 con provvedimento della Corte d'Appello di Catanzaro, ha evidenziato come S.G. abbia rivestito il ruolo di capo ed organizzatore di un sodalizio criminoso gravitante in Rossano (CS), capace di intrattenere e gestire rapporti di affari per l'approvvigionamento della sostanza stupefacente.

Ulteriormente e' stato opportunamente evidenziato che l'abitazione del Galluzzi, ubicata in contrada Pantasima di Rossano, fosse la base logistica dell'organizzazione.

ASCA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa