Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: confiscati beni per 5 mln a cosca Mancuso

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: confiscati beni per 5 mln a cosca Mancuso

8 novembre 2012
Catanzaro. La Direzione investigativa antimafia di Catanzaro ha confiscato beni mobili ed immobili per un valore complessivo di oltre cinque milioni di euro riconducibili ad Antonio Mancuso, 73 anni, di Limbadi, attualmente detenuto, ritenuto ai vertici della omonima cosca di Limbadi (Vibo Valentia), ed agli eredi Domenico Campisi, ritenuto vicino alla cosca Mancuso ed ucciso il 17 giugno 2011 nelle campagne di Nicotera (Vibo Valentia). I provvedimenti di confisca, disposti dalla Corte di Appello di Catanzaro, confermano l'esito delle indagini patrimoniali, in quanto riguardano la quasi totalità di beni già sequestrati grazie all'attività della Dia nel contrasto all'accumulazione illecita di ricchezze, obiettivo ribadito dal nuovo direttore della Dia Arturo De Felice, al vertice della struttura dal primo novembre scorso. In merito alla posizione di Mancuso, i giudici della Corte d'appello, nel provvedimento hanno scritto che "non è stata in alcun modo dimostrata la compatibilità per flussi tra fonti di reddito ed impieghi". La Corte ha disposto la restituzione di due unità immobiliari su 70 perché pervenute nel patrimonio di Mancuso per usucapione giudizialmente accertata. Per quanto riguarda i beni riconducibili a Campisi, la Corte d'appello rileva che "l'analisi dei redditi familiari complessivi, riportati dal 1993 al 2010, mostra una chiara sperequazione tra percepito e speso. E' di intuitiva evidenza che il complessivo valore dei beni indicati è sproporzionato rispetto alle condizioni di reddito di Campisi e del coniuge".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa