Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Calabria, Gratteri: 'Ndrangheta più ricca e arrogante

Rassegna Stampa

Calabria, Gratteri: 'Ndrangheta più ricca e arrogante

7 luglio 2012
Reggio Calabria. Il procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, è intervenuto ieri sera alla rassegna Tabularasa, giunta alla terza edizione e che si tiene in diversi comuni del reggino. "Oggi la 'ndrangheta - ha spiegato il pm - è più arrogante di vent'anni fa perché è più ricca proprio grazie al controllo del commercio di cocaina". "In alcuni luoghi - ha detto il magistrato - la 'ndrangheta ha comprato tutto cioò che era in vendita, è molto presente in tanti paesi europei e nordamericani, soprattutto nei settori dell'edilizia, ristorazione e crediti bancari. Le mafie non sono un corpo estraneo alla società la 'ndrangheta è qui tra di noi, esiste perché ha il consenso popolare. Ed anche la pubblica amministrazione è piena di 'ndrangheta. I capi mafia non stanno più sulle montagne". "Nonostante tutti gli sforzi che facciamo - ha proseguito Gratteri - riusciamo appena a pareggiare la partita. Non voglio scoraggiare la gente ma con questo sistema giudiziario e con questo sistema scolastico non sconfiggeremo mai le mafie. E' necessario riformare il codice penale. Con un sistema giudiziario migliore potremmo abbattere le mafie dell'80% nel giro di 5 anni". Alla fine, "stuzzicato" da un paio di domande, Gratteri ha ammesso: "Si, alcuni miei colleghi sono invidiosi della mia popolarità e del fatto che io sia richiesto in convegni e televisioni, ma io delle mie ferie faccio ciò che voglio e, soprattutto, vado ovunque gratis. Qualcuno, invece, si aspetta il cachet per salire su palchi come questo".

Poi, sulla questione del taglio dei tribunali, Gratteri dice come vadano "di moda i tagli, ma io ne parlavo già dieci anni fa. Vogliono tagliare i Tribunali in Calabria, ma nessuno sa che alla Corte d'Appello di Torino ci sono 17 Tribunali a 20 chilometri l'uno dall'altro". "Sono questi - ha aggiunto - i veri sprechi. Se ne potrebbero chiudere almeno dieci. Non possiamo continuare a pensare di vivere sulle spalle della pubblica amministrazione senza produrre nulla. Non è possibile che nella pubblica amministrazione ci siano 5 persone che si ammazzano di lavoro e 5 che passeggiano. Non siamo alla fame, stiamo solo sprecando un po' di meno. Se fossimo alla fame saremmo già alla rivoluzione. Ma non credo che questo accadrà".

Tratto da:
lametino.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa