Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: nuova ordinanza per condannati in processo Fehida

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: nuova ordinanza per condannati in processo Fehida

18 maggio 2012
Reggio Calabria. Tre soggetti delle cosche di San Luca sono stati arrestati in due distinte attività dalla Polizia di Stato e dai Carabinieri di Reggio Calabria. Tutti sono stati condannati nel processo Fehida in cui si sono trovate alla sbarra le consorterie di 'ndrangheta coinvolte nella sanguinosa faida che ha portato alla strage di Duisburg. Gli uomini della sezione criminalità organizzata della squadra mobile reggina e del commissariato di Bovalino hanno notificato un'ordinanza di ripristino della misura cautelare nei confronti di Giovanni Strangio (46 anni) e Achille Marmo (38 anni). Entrambi sono fratelli di due vittime della strage di Duisburg, rispettivamente Sebastiano Strangio e Marco Marmo. Inoltre i due fratelli Strangio erano contitolari del ristorante «Da Bruno» dove è avvenuto l'eccidio di sei persone. Giovanni Strangio e Achille Marmo erano stati scarcerati per decorrenza dei termini di custodia cautelare. Al processo Fehida sono stati condannati a otto anni. Dopo una serie di ricorsi, la Cassazione si è pronunciata sulla loro posizione determinando così la nuova custodia. I carabinieri invece hanno arrestato Paolo Nirta, di 35 anni, già sottoposto alla misura della sorveglianza speciale. Anche lui era stato condannato a otto anni di carcere, pena confermata dalla Corte d'assise d'appello. Quando ha capito che i carabinieri lo stavano per arrestare, ha tentato la fuga lasciandosi cadere dal primo piano della propria abitazione. È stato comunque bloccato dai militari che hanno chiamato l'ambulanza del 118 per i soccorsi. Giunti in ospedale, gli è stata diagnosticata la frattura al bacino e al gomito sinistro. Si trova quindi ricoverato all'ospedale di Locri.

ADNKRONOS

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa