Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: Guardia di Finanza Roma confisca per 40 milioni di euro a imprenditore

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: Guardia di Finanza Roma confisca per 40 milioni di euro a imprenditore

8 maggio 2012
Roma. Beni per un valore complessivo di circa 40 milioni di euro sono stati confiscati dai finanzieri del Comando Provinciale di Roma ad un imprenditore di origine calabrese da tempo dimorante a Roma. Il provvedimento, eseguito dalle Fiamme Gialle del Nucleo Polizia Tributaria della Capitale, rappresenta l'epilogo di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma nell'ambito di un procedimento per l'applicazione di una misura di prevenzione patrimoniale che, a marzo dello scorso anno, aveva già portato il Tribunale di Roma a disporre il sequestro dei beni dell'imprenditore calabrese. Quest'ultimo, che secondo gli investigatori aveva stretti rapporti con esponenti del clan Muto, è risultato inserito in ambienti criminali dediti a reati di usura, appropriazione indebita e truffe colossali, i cui proventi sono stati reimpiegati nell'acquisizione di attività apparentemente lecite.
All'esito degli accertamenti, è stata rilevata la sproporzione tra i redditi dichiarati ed il tenore di vita dell'imprenditore, il quale si è avvalso anche di prestanome per 'schermarè il suo ingente patrimonio. Nel corso dell'operazione, che, oltre il Lazio, ha interessato anche Calabria, Campania, Basilicata e Toscana, sono stati confiscati due unità immobiliari con annessa piscina a Roma, un centro sportivo a Trigoria, alcune autovetture di lusso (due Ferrari, una Porsche e due Hummer), un aliscafo, disponibilità finanziarie e quote societarie. Di grande rilievo un villaggio turistico a S. Nicola Arcella, in provincia di Cosenza, costituito da 34 unità immobiliari ed impianti sportivi, che beneficia di un tratto di spiaggia in concessione. Inoltre l'autorità giudiziaria di Roma ha disposto nei confronti dell'imprenditore le ulteriori misure personali della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza per tre anni e dell'obbligo di soggiorno nel Comune di Roma.

Adnkronos

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa