Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: sequestrati beni per 3 mln a condannato processo Crimine

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: sequestrati beni per 3 mln a condannato processo Crimine

11 aprile 2012
Reggio Calabria. Beni del valore di tre milioni di euro sono stati sequestrati a un esponente della cosca Ruga-Metastasio di Monasterace. Il provvedimento, eseguito dalla Guardia di Finanza, colpisce il patrimonio di Cosimo Giuseppe Leuzzi, condannato nel processo 'Crimine'. Secondo quanto emerso dalle indagini, avrebbe avuto un ruolo apicale nel locale di 'ndrangheta di Caulonia. Già in passato era stato ritenuto socialmente pericoloso in virtù della sua appartenenza alla cosca Ruga-Metastasio ed era stato coinvolto in altri procedimenti penali. «Forte della sua adesione alla cosca, il collaboratore Procopio lo ha indicato come un esponente di spicco di essa, con lo specifico compito di intrattenere rapporti con le pubbliche amministrazioni operanti nella zona per ottenere l'aggiudicazione degli appalti più lucrosi, ha da sempre evidenziato -spiegano gli inquirenti- una non indifferente propensione al sopruso e alla violenza, prevaricando le ditte concorrenti e costringendole a non partecipare alle gare d'appalto indette dalle Stazioni appaltanti della Locride». Il Tribunale di Reggio Calabria, sezione Misure di prevenzione, ha sottoposto a sequestro le quote sociali, il capitale sociale e il patrimonio aziendale della Icaro srl unipersonale, che ha sede a Stignano e si occupa di lavori generali di costruzioni di edifici; la ditta individuale Niceforo Erminio che esercita l'attività di pulizia delle aree pubbliche, decontaminazione e disinquinamento dell'ambiente; 12 unità immobiliari di cui 11 terreni seminativi arborei e uliveti e un fabbricato, due autovetture.

Adnkronos

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa