Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: infiltrazioni nella capitale, 24 rinvii a giudizio

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: infiltrazioni nella capitale, 24 rinvii a giudizio

29 marzo 2012
Roma. Rinvio a giudizio per 24 persone ritenute appartenenti alla cosca degli 'Alvaro' a Reggio Calabria, accusate di «trasferimento fraudolento finalizzato all'acquisizione di quote societarie (soprattutto di bar e ristoranti) di imprese della capitale allo scopo di eludere la normativa sulle misure di prevenzione antimafia in fatto di possesso di attività commerciali. Il rinvio a giudizio (il processo comincerà il 28 maggio prossimo davanti all'ottava sezione penale del Tribunale) è stato deciso dal giudice dell'udienza preliminare Cinzia Parasporo che ha accolto le richieste dei pubblici ministeri Diana De Martino e Giovanni Bombardieri. L'indagine, che si ricollega ad un'iniziativa giudiziaria avvenuta a Reggio Calabria è cominciata nel 2007 e ha riguardato l'acquisto di quote societarie poi intestate a 'teste di legno' come parenti o compaesani dei componenti della cosca facente capo a Vincenzo Alvaro che oggi era il principale imputato dell'indagine. Numerosi e noti locali nonchè diversi esercizi commerciali sono diventati nel tempo a Roma di proprietà del gruppo che aveva allo scopo creato numerose società come la Tortuga Srl, Astrofood, Trading Multiservice, Time Out Cafè. Per quanto riguarda i locali diversi si tratta di bar e ristoranti come Clementi e Cafè de Paris; i ristoranti California, Federico I e Federico II.
L'indagine come si è detto fu avviata nel 2007 dai pubblici ministeri Diana De Martino e Giovanni Bombardieri. Ventotto inizialmente gli indagati con capolista Vincenzo Alvaro già sottoposto a sorveglianza speciale e all'obbligo di soggiorno e principale responsabile dei fatti contestati. Secondo l'accusa «l'intedimento di Alvaro è stato quello di eludere le disposizioni di legge in materia di prevenzione patrimoniale e quindi sottrarre i suoi beni a un possibile sequestro». Degli imputati Alvaro come si è detto è agli arresti domiciliari mentre è in carcere Damiano Villari, gestore del Cafè de Paris di via Veneto.

Adnkronos

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa