Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: operazione contro cosca Pesce nel reggino, undici fermi

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: operazione contro cosca Pesce nel reggino, undici fermi

9 febbraio 2012
Reggio Calabria. I carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria e il Ros stanno eseguendo un provvedimento di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, nei confronti di 11 appartenenti alla cosca Pesce di Rosarno, responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso. Le indagini, svolte dai carabinieri alla ricerca del latitante Giuseppe Pesce, hanno consentito di individuare i nuovi soggetti ai cui era stata affidata la direzione strategica e operativa della cosca dopo l'offensiva delle forze dell'ordine che negli ultimi anni hanno colpito i capi. Gli investigatori hanno trovato elementi utili in un pizzino scritto da Francesco Pesce, nelle dichiarazioni della testimone di giustizia Maria Concetta Cacciola (morta suicida il 22 agosto dello scorso anno), dalle dichiarazioni della collaboratrice Giuseppina Pesce e da riscontri delle intercettazioni telefoniche.

Adnkronos


'Ndrangheta: operazione nel reggino, arrestati familiari testimone suicida

9 febbraio 2012

Reggio Clabria. Contemporaneamente agli undici fermi eseguiti nei confronti di esponenti della cosca Pesce di Rosarno, i carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria e i poliziotti del commissariato di Gioia Tauro stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di tre familiari della testimone di giustizia Maria Concetta Cacciola, suicidatasi il 22 agosto. Aveva lasciato documenti in cui lamentava i maltrattamenti che subiva. I tre componenti devono rispondere di concorso in maltrattamenti in famiglia e violenza o minaccia per costringere a commettere un reato nei confronti della testimone di giustizia.

Adnkronos

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa