Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: i pm sui boss finti depressi, ''Cospicua cartella Pelle''

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: i pm sui boss finti depressi, ''Cospicua cartella Pelle''

20 gennaio 2012
Reggio Calabria. «Le persone arrestate, ognuna per la propria parte, avevano contribuito a costruire nel tempo una voluminosa cartella clinica intestata a Giuseppe Pelle, funzionale ad attestare la sua incompatibilità con il regime carcerario dichiarando falsamente che fosse colpito da 'depressione maggiorè, diagnosticatagli in più occasioni e da più medici, tant'è che nel 2008 Giuseppe Pelle era stato scarcerato». A dirlo è stato il procuratore di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, in merito all'operazione dei carabinieri che ha portato all'arresto di sei persone tra le quali due medici ed un avvocato. «Tutto ciò - ha aggiunto - con l'intento di rientrare a casa, anche ai domiciliari, per curare meglio il proprio potere utilizzando patologie per così dire 'astrattè. L'obiettivo, naturalmente, era quello di convincere i periti della sussistenza della patologia». «L'operazione 'Reale - Ippocratè - ha sostenuto Pignatone - può essere definita come la quarta puntata delle indagini emerse a seguito delle intercettazioni ambientali nell'abitazione di Giuseppe Pelle». Per il gen. Mario Parente, vicecomandante nazionale del Ros, «l'indagine conferma il potere di infiltrazione della cosca Pelle in settori professionali, nel mondo politico e universitario, mantenendo rapporti consolidati con medici compiacenti che sono stati oggetto di indagine anche in passato come sospetti fiancheggiatori del boss di San Luca». Nel corso dell'operazione, ha detto il col. Pasquale Angelosanto, comandante provinciale dei carabinieri, sono state effettuate numerose perquisizioni a casa degli arrestati. «Nell'abitazione di un medico - ha detto - sono stati scoperti e sequestrati 135 mila euro». Il comandante del Ros di Reggio Calabria, col. Marco Russo, ha reso noto che il medico del 118 Francesco Moro veniva intercettato nel febbraio 2010 mentre si rendeva disponibile ad assecondare la richiesta di Giuseppe Pelle di inscenare un finto malore dovuto ad uno stato d'ansia simulato. «Nel corso del lungo dialogo - ha aggiunto - il medico suggeriva a Pelle l'esatto comportamento e le modalità da tenere per rendere quanto più verosimile l'intervento, che lo stesso Moro definiva 'un film bellu e pulitù».

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa