Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: tra arrestati c'è il cugino di Franco Fortugno

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: tra arrestati c'è il cugino di Franco Fortugno

11 gennaio 2012
Reggio Calabria. Tra i 21 arrestati nell' operazione dei carabinieri di Reggio Calabria, figura Giuseppe Fortugno, di 39 anni, di Melito Porto Salvo, cugino di Francesco Fortugno, il vice presidente del Consiglio regionale ucciso in un agguato a Locri il 16 ottobre 2005. Giuseppe Fortugno è accusato di associazione mafiosa. Secondo l'accusa è organico alla cosca Talia. Un rapporto, è scritto nell'ordinanza di custodia cautelare di 1119 pagine firmata dal gip Domenico Santoro, che emerge dai «numerosi rapporti di frequentazione con elementi ritenuti di primo piano in seno alla cosca Talia». In un colloquio intercettato tra esponenti di primo piano della cosca, scrive il gip, «si fa esplicito riferimento alla circostanza che Giuseppe Fortugno fosse, in un primo momento, tra i candidati a ricoprire il ruolo, rimasto vacante, di capo giovani» dopo l'assassinio di Salvatore Modaffari. Nel colloquio, i boss «commentavano, ancora, la successiva decisione di elevare alla 'maggiore' lo stesso Fortugno, a dimostrazione di come questi, dunque, esercitasse un ruolo attivo in seno alla 'ndrangheta». «Il passaggio dalla società minore alla società maggiore - scrive il gip - riveste evidente significato dimostrativo del rango del soggetto che tale cursus honorum effettua. Peraltro, nel corso delle indagini, è emersa la partecipazione di Giuseppe Fortugno alla riunione organizzata a Bova Superiore da Terenzio D'Aguì con alcuni dei responsabili dei cantieri relativi alla variante di Palizzi ed altri importanti esponenti della criminalità organizzata di Bova». Nell'ordinanza c'è anche un'annotazione dei carabinieri secondo i quali, in base ad un colloquio registrato il 5 febbraio 2002, «si colgono importanti elementi che fanno ritenere come Fortugno sia certamente depositario di conoscenze dettagliate in ordine all'omicidio di Placido Scriva», fu ucciso il 20 luglio 1997 a Bova Marina da due killer armati di fucile di precisione. Nel colloquio, Giuseppe Fortugno, replicando a tale Nato che gli chiede «.. eri nella macchina quando lo hanno sparato?», risponde: «si più in qua più in qua ... vicino alla villa», «rivelando - scrivono i carabinieri - la propria presenza nel mentre venivano esplosi dei colpi d'arma da fuoco nei confronti di una persona». Nel provvedimento, comunque, non ci sono contestazioni a carico di Giuseppe Fortugno relative all' omicidio.

ANSA

 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa