Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Arresto figlio boss Mancuso. Procuratore Spagnuolo: ''Importante pagina legalita'''

Rassegna Stampa

Arresto figlio boss Mancuso. Procuratore Spagnuolo: ''Importante pagina legalita'''

23 dicembre 2011
Vibo Valentia. «Oggi i Carabinieri e la Procura di Vibo Valentia hanno scritto un'importante pagina di legalità in un territorio martoriato dall'arroganza e dalla prepotenza delle associazioni mafiose». Lo ha detto il Procuratore della Repubblica di Vibo Valentia, Mario Spagnuolo, facendo riferimento all'arresto di Luigi Mancuso, figlio del boss della 'ndrangheta Giuseppe, per il pestaggio di un romeno. «La speranza della Procura di Vibo Valentia - ha aggiunto Spagnuolo - è che i cittadini prendano esempio dall'atteggiamento collaborativo di quegli stranieri che hanno subito i gravi reati per cui oggi si procede».

ANSA

FIGLIO BOSS PICCHIÒ ROMENO PER ODIO RAZZIALE, ARRESTATO

23 dicembre 2011

Vibo Valentia.
Ribadire il potere della cosca Mancuso sul territorio e fare allontanare, per odio razziale, una comunità di romeni: è il motivo per il quale il 10 agosto scorso un giovane di 19 anni, Luigi Mancuso, figlio del boss Giuseppe, di 62, capo dell'omonima cosca della 'ndrangheta, aggredì a San Gregorio d'Ippona a calci e pugni un giovane romeno riducendolo in fin di vita. Mancuso è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia con l'accusa di tentato omicidio aggravato. Insieme a lui arrestato anche il suo presunto complice, Danilo Pannace, di 18 anni. I due arresti sono stati fatti in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip di Vibo Valentia su richiesta del Procuratore della Repubblica, Mario Spagnuolo. L'aggressione ai danni del giovane, che fu ricoverato in prognosi riservata per le lesioni subite, giunse al culmine di una serie di persecuzioni ed atti intimidatori compiuti da Luigi Mancuso e da Pannace, con la protezione della cosca, ai danni della comunità di romeni, tutti braccianti agricoli, che vive a San Gregorio d'Ippona per indurli a lasciare il paese.

ANSA

 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa