Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Processo Lea Garofalo: il Giudice va al ministero, processo azzerato

Rassegna Stampa

Processo Lea Garofalo: il Giudice va al ministero, processo azzerato

23 novembre 2011
Milano. Dovrà ripartire da zero il processo in corso da qualche mese a Milano per l'omicidio di Lea Garofalo, la testimone di giustizia scomparsa due anni fa e sciolta nell'acido nel milanese, e nel quale sono imputati il suo ex convivente Vito Cosco, i fratelli dell'uomo e altre persone. La Corte d'Assise infatti, è rimasta senza il presidente Filippo Grisolia perchè nominato come capo di gabinetto del neo ministro della Giustizia Paola Severino. E in vista del cambiamento della composizione della Corte, le difese non hanno dato il consenso per mantenere valide le prove finora raccolte in dibattimento, tra cui la testimonianza di Denise, la figlia che la collaboratrice di giustizia uccisa ha avuto con Vito Cosco e che vive da tempo sotto tutela. Dunque il processo, aggiornato al primo dicembre per la nomina di un nuovo presidente della Corte, dovrà cominciare da capo e il pm della dda Marcello Tatangelo, riconvocare tutti i testi finora ascoltati, tra cui la stessa Denise, 19 anni, che fu la prima a denunciare la scomparsa della madre e ora è parte civile contro il padre, affiliato all'ndrangheta. La ragazza lo scorso settembre per due udienze aveva reso in aula una testimonianza coraggiosa. Gli imputati vennero arrestati a ottobre dell'anno scorso e il prossimo luglio scadono i termini di custodia cautelare e se non interviene la sentenza di primo grado entro quella data potrebbero ritornare in libertà.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa