Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: progetto omicidio alla cugina della pentita

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: progetto omicidio alla cugina della pentita

 

15 ottobre 2011
Reggio Calabria.
La cosca Pesce, nel giugno del 2006, voleva uccidere la pentita Rosa Ferraro, che da pochi giorni aveva iniziato a collaborare con la magistratura. A riferirlo, davanti ai giudici del Tribunale di Palmi nel processo ai presunti affiliati al clan Pesce di Rosarno, è stato un ispettore della polizia penitenziaria sulla base di colloqui intercettati in carcere tra Salvatore Pesce, ritenuto il boss della cosca, ed il figlio Francesco, all'epoca libero. Rosa Ferraro è la cugina di Giuseppina Pesce, figlia di Salvatore, anche lei collaboratrice di giustizia. L'ispettore ha riferito che nel corso dei colloqui, intercettati il 13 giugno del 2006, appena otto giorni dopo l'inizio della collaborazione di Rosa Ferraro, Francesco Pesce disse al padre che la donna andava uccisa, facendola investire da un'auto e simulando un incidente stradale. Il boss, però, fece presente al figlio che della questione dovevano occuparsene i Ferraro aggiungendo, ha riferito l'ispettore, che se non l'avessero fatto, allora ci avrebbero pensato i Pesce. Dopo quel colloquio, la polizia penitenziaria informò immediatamente il Servizio centrale di protezione che provvide a mettere in salvo Rosa Ferraro, portandola via da Rosarno. Nella seconda parte della deposizione, è stata invece affrontata la vicenda di un agente della polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Palmi, Eligio Auddino, che secondo l'accusa avrebbe agevolato lo scambio di messaggi fra il boss Salvatore Pesce ed i familiari e di aver favorito l'introduzione nel carcere di Palmi di beni e oggetti non consentiti dal regolamento. Auddino è stato condannato nel settembre scorso a tre anni e quattro mesi di reclusione per corruzione dal gup di Reggio Calabria nel processo con rito abbreviato ad altri presunti affiliati al clan Pesce.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa