Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: il 6 agosto in piazzetta Bagnasco per ricordare il Giudice Gaetano Costa

Rassegna Stampa

Mafia: il 6 agosto in piazzetta Bagnasco per ricordare il Giudice Gaetano Costa

“Un infiltrato nel palazzo dei veleni. A che punto è la lotta alla mafia” è il titolo dell’incontro, in programma alle 18.30 di giovedì 6 agosto in piazzetta Bagnasco, dedicato alla memoria del Procuratore della Repubblica di Palermo, Gaetano Costa, del quale proprio il 6 agosto ricorre il 40mo anniversario della sua morte.
A promuoverlo è l’associazione “Per onorare la memoria dei Caduti nella lotta contro la mafia” in collaborazione con l’associazione “Piazzetta Bagnasco” e con il contributo dell’associazione “Emanuele Piazza”.
Un pomeriggio che si preannuncia interessante in virtù del parterre di presenze che, attraverso la figura del giudice Costa, contribuirà a fare il punto su quanto raggiunto oggi nella lotta alla criminalità mafiosa.
A intervenire saranno: Donato Didonna, presidente dell’associazione “Piazzetta Bagnasco”; Carmine Mancuso, presidente dell’associazione “Per onorare la memoria dei Caduti nella lotta contro la mafia”; lo storico Giuseppe Carlo Marino; i giornalisti Angelo Mangano, Felice Cavallaro, Francesco Viviano e Lillo Miceli. Saranno presenti anche numerose autorità cittadine.
A offrici un ritratto quanto mai vivo e attuale del Procuratore della Repubblica, ucciso dalla mafia il 6 agosto del 1980, sarà il figlio, l’avvocato Michele Costa. Ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa