Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Omicidio Chiappone: fu chiesto al boss di fare assassinare il rivale, 2 arresti

Rassegna Stampa

Omicidio Chiappone: fu chiesto al boss di fare assassinare il rivale, 2 arresti

di AMDuemila
I Carabinieri del comando provinciale di Catania hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Catania nei confronti di due persone, una delle quali ritenuta elemento di spicco della famiglia mafiosa catanese Santapaola-Ercolano, ritenute essere coinvolte nell'omicidio di Dario Chiappone, ucciso a Riposto nell'ottobre del 2016. I due arrestati sono Benedetto La Motta, noto come 'Benito' o 'Baffo', di 62 anni, indicato come il referente a Riposto della 'famiglia' mafiosa Santapaola-Ercolano, e il suo coetaneo Paolo Censabella. Dalle indagini è venuto a galla che il movente è legato a motivazioni sentimentali ed economiche riconducibili al suo rapporto di frequentazione con una donna, che era l'ex convivente con uno degli indagati destinatario del provvedimento cautelare. I due, secondo quanto emerso, sarebbero i mandanti del delitto, tra loro anche l'allora presunto reggente della cosca mafiosa che avrebbe ricevuto la richiesta di fare uccidere l'uomo. Dario Chiappone fu ucciso con almeno 16 coltellate alla gola e al torace. Per il delitto, in primo grado, la Corte d'assise di Catania, presieduta da Sebastiano Mignemi, il 20 marzo scorso ha condannato all'ergastolo Agatino Tuccio e a 23 anni di reclusione Salvatore Di Mauro. Nell'inchiesta sull'omicidio è stato indagato anche il 'killer delle carceri', Antonio Marano, 76 anni. Ad accusarlo sono state le sue impronte digitali trovate da militari del Ris sul luogo del delitto. Nel dicembre del 2019 i carabinieri gli notificarono un'ordinanza di custodia cautelare nel carcere in cui era già detenuto.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa