Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: chiesti 20 anni di carcere per Tamburello

Rassegna Stampa

Mafia: chiesti 20 anni di carcere per Tamburello

MARSALA. La condanna a venti anni di carcere è stata invocata dal pm della Dda Pierangelo Padova per Matteo Tamburello, 57 anni, di Mazara del Vallo (Tp), processato davanti il Tribunale di Marsala, per associazione mafiosa e di violazione della sorveglianza speciale. Gli investigatori gli contestano di essersi mosso, dopo l'uscita dal carcere, a fine novembre 2015, per riorganizzare gli assetti del mandamento mafioso di Mazara, al cui vertice, nel frattempo, sarebbe assurto Dario Messina. "Le indagini sul mandamento mafioso di Mazara - scrivono i carabinieri del Ros - hanno permesso di individuare la fase riorganizzativa degli assetti di vertice, fornendo importanti elementi sulla sua collocazione baricentrica nelle relazioni criminali nella Sicilia occidentale". A ricoprire un ruolo di vertice sarebbe stato, secondo l'accusa, proprio Tamburello, dopo aver finito di scontare una precedente condanna a 9 anni per mafia, anche se la guida della "famiglia" di Mazara era stata affidata a Dario Messina. Tamburello avrebbe, quindi, ricoperto un ruolo di rilievo che lo portava ad intrattenere incontri riservati con esponenti di primo livello dell'organizzazione mafiosa. Cio' mentre lavorava, ufficialmente come semplice operaio, in una cava di tufo. Avrebbe voluto, inoltre, investire nel business delle energie alternative e in particolare nell'eolico. Il processo a Tamburello e' scaturito dall'operazione "Eris" dell'11 dicembre 2018, quando, a seguito delle perquisizioni effettuate dai carabinieri, furono arrestati, per detenzione illegale di armi, Giovanni Como, fratello di Gaspare, cognato di Matteo Messina Denaro, e l'imprenditore mazarese Diego Vassallo. Detenevano, secondo l'accusa, illegalmente due pistole, una Baby Browning calibro 635 con 5 colpi nel caricatore e un revolver calibro 22 con 20 cartucce.

Ansa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa