Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: Palermo, scarcerato presunto prestanome boss scommesse

Rassegna Stampa

Mafia: Palermo, scarcerato presunto prestanome boss scommesse

Palermo. Il Tribunale del Riesame di Palermo ha annullato l'ordine di custodia che, l'8 giugno, aveva portato ai domiciliari Antonino Maniscalco, di 26 anni, coinvolto nell'inchiesta (con otto arrestati) della procura di Palermo, sul business che Cosa nostra sarebbe riuscita a fare nel campo delle scommesse legali, da Palermo alla Lombardia. Non si conoscono ancora le motivazioni del provvedimento riguardante Maniscalco (difeso dall'avvocato Michele Giovinco), adottato dal collegio presieduto da Antonella Pappalardo, mentre un altro tribunale si sta occupando del ricorso di Salvatore Sorrentino, nei cui confronti la misura cautelare era stata quella del carcere e la cui posizione e' direttamente collegata a quella di Maniscalco. Sorrentino e' comunque detenuto per altro, perche' imputato anche nel processo Nuova Cupola, sulla ricostituzione della commissione, l'organo di vertice dell'associazione criminale. Nell'inchiesta e' coinvolto anche un altro Maniscalco, Francesco Paolo, di 57 anni, solo omonimo della persona ora tornata in liberta'. Il ventiseienne era accusato di fittizia intestazione di beni aggravata, per avere contribuito a far apparire due societa', la Village Intralot e il punto scommesse della tabaccheria Massaro di piazza Ballaro', come appartenenti a persone diverse da Sorrentino.
Secondo la Guardia di finanza, che ha indagato sotto il coordinamento della Dda di Palermo, guidata dal procuratore Francesco Lo Voi e dall'aggiunto Salvatore De Luca, ci sarebbe stato un sistema con il quale i clan, con l'aiuto di imprenditori compiacenti, erano riusciti a creare un giro d'affari, stimato in oltre 100 milioni di euro. Il pm Dario Scaletta aveva ottenuto dal gip anche il divieto di dimora in provincia di Palermo per altre due persone, facendo scattare il sequestro preventivo di beni per 40 milioni. I dieci arrestati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, riciclaggio e trasferimento fraudolento di valori aggravato dal favoreggiamento mafioso.Personaggio centrale della vicenda sarebbe Salvatore Rubino, 59enne imprenditore del settore dei giochi legali, intestatario di licenze e concessioni. A gestire tutto pero' sarebbero stati i boss dei mandamenti di Porta Nuova e Pagliarelli, appunto Francesco Paolo Maniscalco e Salvatore Sorrentino, di 55 anni, entrambi gia' condannati per Mafia. In carcere anche l'imprenditore Vincenzo Fiore, di 42 anni, e Christian Tortora, di 44 anni, mentre sono finiti ai domiciliari Giuseppe Rubino, di 87 anni, con Maniscalco jr, oggi tornato libero, e Girolamo Di Marzo, di 59 anni.

AGI

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa