Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: traffico droga, chiesti quasi tre secoli di carcere per 18 imputati

Rassegna Stampa

Mafia: traffico droga, chiesti quasi tre secoli di carcere per 18 imputati

di AMDuemila
I pm della Dda di Palermo Amelia Luise e Giorgia Spiri hanno chiesto poco meno di tre secoli di carcere, esattamente 275 anni, per 18 imputati del traffico di droga denominato "Push away", scoperto dalla polizia, l'estate scorsa, nel quartiere del Borgo Vecchio. Nell'acquisto e nella rivendita di ingenti partite di hashish e marijuana, compiuti in combutta con Cosa nostra, sarebbero stati coinvolti anche una serie di minorenni, appartenenti alle famiglie sotto processo, col rito abbreviato, davanti al Gup del tribunale, Elisabetta Stampacchia. Gli imputati hanno scelto il rito alternativo anche per cercare di fruire delle riduzioni di pena di un terzo. Cio' nonostante le richieste sono pesantissime: 24 anni per Maurizio Fecarotta, Giovanni e Marco Trapani; 20 per Francesco Madonia, Davide Melignano, Antonio Miceli, Giuseppa Tantillo; 18 anni e 8 mesi per Domenica Ragusa e Sebastiana Miceli, detta Paola; 12 anni per Domenico Lo Negro, Giuseppe Mangano, Giovanni Greco; 10 per Luigi Miceli; 8 per Guido e Lucio Benfante, Giovanni Tarallo e Gabriele Guardabasso; 6 anni e 8 mesi infine per Giovanni Tantillo.
Le indagini hanno avuto un importante contributo del collaboratore di giustizia Giuseppe Tantillo che ha anche accusato la sorella ed il cognato di aver smerciato grossi quantitativi di droga.
Era anche emerso che lo smercio per strada era garantito da giovanissimi pusher, alcuni anche minorenni, che guadagnavano il 20% del venduto e qualche dose.
Inoltre che i fornitori non avevano contatti diretti con la rete di spaccio ma garantivano l'approvigionamento di droga (soprattutto hashish e marijuana e in minima parte cocaina, ndr) per il mercato del Borgo Vecchio.

Fonte: Agi

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa