Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Vietati i funerali pubblici per boss agrigentino Terrasi: salma 'scortata' dai carabinieri

Rassegna Stampa

Vietati i funerali pubblici per boss agrigentino Terrasi: salma 'scortata' dai carabinieri

di AMDuemila
I funerali pubblici, in chiesa e in corteo, a Cattolica Eraclea per Domenico Terrasi, boss del paese, morto sabato a 77 anni dopo una lunga malattia, sono stati bloccati dalla questura di Agrigento. La celebrazione si sarebbe dovuta svolgere ieri alle ore 15 presso la Chiesa del Rosario. La diocesi ha annullato le esequie in forza di un decreto del questore di Agrigento che vieta funerali pubblici e cortei in casi del genere. Terrasi era tornato libero nel febbraio del 2018 dopo avere scontato la seconda condanna per associazione mafiosa, a 12 anni e 8 mesi di reclusione, rimediata nell'ambito dell'operazione "Minoa". L'operazione, eseguita dalla Direzione Investigativa Antimafia, era scattata il 26 novembre del 2009 e portò in carcere i componenti della famiglia mafiosa di Cattolica Eraclea di cui sarebbe stato, secondo quanto accertato dal processo, l'esponente di riferimento. Nell'ambito dell'inchiesta fu arrestato anche il figlio Giuseppe, condannato a 7 anni di reclusione in primo grado, e poi assolto dopo tre anni di carcere. Terrasi aveva già scontato 5 anni e 4 mesi di reclusione, sempre per associazione mafiosa, dopo la sentenza definitiva del maxi processo "Akragas", la principale operazione contro le cosche della provincia di Agrigento. Per effetto del divieto di esequie pubbliche, c’è stata la sola benedizione della salma che, poco dopo, è stata trasportata al cimitero del paese. Davanti alla chiesa, lungo il tragitto e al cimitero alcune auto dei carabinieri hanno controllato che tutto procedesse secondo le prescrizioni imposte.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa