Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Trapani: torna in carcere presunto boss di Favignana Vito D'Angelo

Rassegna Stampa

Trapani: torna in carcere presunto boss di Favignana Vito D'Angelo

Palermo. Torna in carcere il presunto boss di Favignana Vito D'Angelo di 71 anni. i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Trapani, hanno eseguito l'ordinanza di aggravamento della misura cautelare personale emessa dal GIP del Tribunale di Palermo nei confronti dell'uomo, accusato di associazione di tipo mafioso, con la quale si sostituisce la misura degli arresti domiciliari, cui era sottoposto dal 13 agosto scorso, con quella della custodia in carcere. Quest'ultimo, era stato tratto in arresto lo scorso 5 marzo durante l'Operazione antimafia denominata ''Scrigno'' condotta dal Nucleo Investigativo, nel corso della quale, in esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Procura della Repubblica - Dda, sono state tratte in arresto 26 persone accusate, a vario titolo, di associazione mafiosa, scambio elettorale politico mafioso, estorsione, danneggiamento seguito da incendio e altro, tutti reati aggravati dal metodo mafioso. In questo contesto, D'angelo era ritenuto il vertice di un'articolazione operativa di Cosa Nostra sull'isola Favignana documentata, per la prima volta, proprio nel corso delle indagini che hanno condotto all'operazione Scrigno. Dopo alcuni mesi di detenzione presso il carcere Pagliarelli di Palermo, D'Angelo era stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari poiché le precarie condizioni di salute dello stesso, erano ritenute incompatibili con il regime carcerario. "In questo contesto sono stati avviati dai militari dell'Arma, una serie di servizi di osservazione che hanno permesso di rilevare non solo uno stato di salute del D'Angelo tale da consentirgli di svolgere diverse attività fisiche ma, soprattutto, di aver reiteratamente violato le prescrizioni relative ai divieti di comunicazioni con persone non autorizzate, incontrando più volte soggetti che, a loro volta, avevano già avuto un rilevante ruolo nella pregressa attività investigativa, interfacciandosi con i co-indagati Francesco Virga e Francesco Peralta - dicono gli inquirenti - entrambi attualmente sottoposti alla misura cautelare della custodia in carcere per i reati di cui all'art. 416 bis del codice penale, costituendo così un riservato ed insospettabile trait d'union tra i predetti e l'anziano boss favignanese". L'attività scrupolosa svolta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Trapani, ha messo in luce l'assoluta necessità della detenzione in carcere al fine di interrompere i numerosi contatti che avevano portato il D'Angelo ad essere un vero e proprio punto di riferimento della criminalità organizzata trapanese.

AdnKronos

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by I.M.D.

Estorsioni, spaccio di droga, violenza e controllo totale...

UN GIORNO QUESTA TERRA SARA' BELLISSIMA

UN GIORNO QUESTA TERRA SARA' BELLISSIMA

by Silvia Camerino

"La promessa di essere umana e sognatrice, così...


IL SISTEMA MONTANTE

IL SISTEMA MONTANTE

by Salvatore Petrotto

Anno 2007, la mafia cambia pelle, indossa la...

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...


ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...

SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa