Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Cortese: ''Importante catturare Matteo Messina Denaro, ma con lui non si sconfigge Cosa nostra''

Rassegna Stampa

Cortese: ''Importante catturare Matteo Messina Denaro, ma con lui non si sconfigge Cosa nostra''

Il Questore di Palermo intervenuto a una Marina di Libri
di AMDuemila
"Matteo Messina Denaro è un latitante che va assicurato alla giustizia, ma bisogna stare attenti a non confondere la lotta alla mafia con la cattura di un latitante. A volte è riduttivo pensare che prendi un latitante e la MAFIA e sconfitta". E' il questore di Palermo, Renato Cortese, ad esprimere questo concetto intervenendo a "Una Marina di Libri" per i dieci anni di Live Sicilia. "Non basta catturare un latitante la mafia che è fata di corruzione e di arroganza, di ramificazione, di grandi affari". Leggendo i dati raccolti dalle ultime indagini, secondo il Questore emerge che Messina Denaro "non comanda su Palermo, ma va catturato sicuramente". Poi ha aggiunto: "Senza il consenso sociale la mafia oggi sarebbe già stata catturata, debellata. Sarebbe solo una banda di delinquenti. Anche se oggi il consenso sociale per i boss è notevolmente diminuito". Rispetto agli anni Novanta, al tempo immediatamente dopo le stragi, molte cose sono cambiate: "Era una città diversa, una città in ginocchio e impaurita la mafia l'aveva messa sotto scacco. C'erano i processi a gabbie vuote perché gli imputati erano tutti latitanti importanti. La sensazione era di essere ancora in guerra. C'era la consapevolezza di dare una risposta. Noi come attività di repressione abbiamo dato il massimo. Il modo migliore era recuperare credibilità dello Stato, che aveva le sue colpe. Intanto catturare i latitanti era l'emergenza in quel tempo. Avevamo i quartieri con i capi delle famiglie".

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa