Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia In ricordo di Matteo Vinci ucciso dalla 'ndrangheta a Limbadi

Rassegna Stampa

In ricordo di Matteo Vinci ucciso dalla 'ndrangheta a Limbadi

“Un anno senza Matteo”: la soddisfazione degli organizzatori per la grande partecipazione, anche dei limbadesi, alla Giornata servita a creare le basi per una Memoria organizzata e strutturata in alleanza con la comunità

Proprio per superare i limiti di una “memoria di Matteo Vinci” rimasta ad un anno dalla sua morte non strutturata, avevamo distinto nella Giornata a lui dedicata ieri una parte commemorativa - con la deposizione dei fiori nel luogo dell'autobomba, la lettura di poesie e il suono degli strumenti di un'orchestra - e una parte dedicata all'impegno politico-sociale che nel suo nome cittadini, associazioni e istituzioni assumono per il futuro. In questo senso, molto partecipato e proficuo si è rivelato l'incontro pubblico tenutosi nel Municipio, terzo e ultimo momento di una manifestazione articolata che tutto sommato ha rispettato gli orari previsti e ha subito solo un cambio di programma - il concerto dei ragazzi di Catania tenutosi nella casa della famiglia Vinci e non nel Palazzo comunale - per espressa volontà dei genitori di Matteo.
Nell'incontro finale, protrattosi fino ad oltre le 20 con una partecipazione rimasta fitta e attiva fino alle conclusioni, sono stati tanti gli interventi costruttivi dopo l'introduzione che abbiamo voluto affidare al prefetto Antonio Reppucci - presidente della commissione straordinaria nominata alla guida del Municipio - che ha partecipato indossando la fascia, e che è stato ringraziato anche per l'aiuto concreto che l'amministrazione comunale ha fornito. Tra i punti qualificanti emersi dalle varie e spesso toccanti testimonianze, va sottolineata la decisione degli organizzatori - che hanno operato per spirito di impegno sociale volontario e per una “promessa morale” fatta alla famiglia Vinci in occasione dei funerali di Matteo - di studiare la modalità attraverso cui, assieme alla partecipazione attiva dei limbadesi, proporre l'intitolazione di una struttura pubblica alla memoria del compianotgiovane i Matteo.

ricordo matteo vinci pubblico

In questo senso, cogliendo l’occasione dell'intervento del sacerdote don Fiorillo - che ha parlato in rappresentanza dell’associazione Libera e di un nutrito gruppo di iscritti presenti attivamente all’incontro - abbiamo proposto di darci appuntamento a breve per favorire un incontro operativo da tenersi in paese, se possibile con il coinvolgimento della Chiesa e di quanti sono disposti a raccogliere l'appello che abbiamo voluto lanciare con la Giornata. Appello pure ripreso e rilanciato da Salvatore Borsellino, che si è collegato via Skype con l'assemblea: ovvero creare per il futuro una Memoria strutturata e organizzata che favorisca la partecipazione attiva dei limbadesi attraverso meccanismi di socialità atti a sconfiggere le perverse logiche mafiose. Da tanti e stata stigmatizzata l'assenza dei rappresentanti del Governo, del Parlamento, della Regione, della provincia. Come organizzatori sentiamo il dovere di precisare e sottolineare che molto nutrita si è rivelata la partecipazione dei cittadini di Limbadi - alcuni dei quali sono stati da noi ringraziati anche per l'aiuto concreto offerto affinché le tre manifestazioni si svolgessero al meglio - in una sala dove, inoltre, è stato anche notata la presenza di alcune e del parroco don Ottavio Scrugli, al quale, certamente, sarà giunta la nostra delusione per non aver potuto usufruire della sua collaborazione nell'organizzazione della Giornata.
La presente nota serve anche a smentire le notizie secondo cui a organizzare la Giornata sarebbe stata una Fondazione (di Catania) e il Comune di Limbadi e, soprattutto, a ringraziare quanti hanno partecipato e coloro che sono intervenuti.

Gli organizzatori della Giornata “Un anno senza Matteo...”

Francesca Munno

Francesco Saccomanno
Agostino Pantano

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa