Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia, la maxi inchiesta ''Montagna'': ecco tutte le parti civili ammesse

Rassegna Stampa

Mafia, la maxi inchiesta ''Montagna'': ecco tutte le parti civili ammesse

Il gup dà il via libera alla costituzione di tutti gli imprenditori e "boccia" la richiesta di alcune associazioni

operazione montagna 3

L’Associazione nazionale testimoni di giustizia, Libero Futuro Agrigento, l'associazione antiracket "Fai" e l’Associazione nazionale per la lotta contro le illegalità e le mafie "Antonino Caponnetto" restano fuori dal processo "Montagna", scaturito dalla maxi inchiesta che ha sgominato, con il blitz del 22 gennaio scorso, le nuove famiglie mafiose della provincia di Agrigento, aprendo anche uno squarcio sui rapporti fra le cosche e la politica.

Il gup di Palermo, Marco Gaeta, dopo la raffica di richieste di costituzione di parte civile, ha fatto ordine emettendo un provvedimento col quale estromette alcuni enti che avevano chiesto di entrare nel processo ritenendoli non legittimati a parteciparvi. Libero Futuro Agrigento, presieduta dall'imprenditore Gerlando Gibilaro, ad esempio, neppure era stata costituita all'epoca dei fatti e "non può aver subito alcun danno - sottolinea il giudice - dalla condotta degli imputati".

Fra le richieste di costituzione c'era quella di Rosalba Di Piazza, candidata a sindaco di San Biagio Platani nel 2014 e sconfitta da Santo Sabella che figura nella lista degli imputati e si trova in carcere da quasi un anno con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Sabella, secondo gli inquirenti, avrebbe stretto accordi politici ed elettorali col boss del paese Giuseppe Nugara che gli avrebbe garantito voti in cambio di posti di lavoro e appalti per persone a lui vicine. Sabella, qualche mese prima dell'arresto, era stato condannato per diffamazione perche' aveva pesantamente offeso definendola "prostituta", pur non nominandola, ma con riferimenti ritenuti inequivocabili, la candidata rivale in un post su Facebook. Di Piazza ha chiesto di costituirsi nei confronti di Sabella e dei presunti associati mafiosi del paese: il gup l'ha ammessa solo con riferimento all'ex sindaco.

Se l'Associazione nazionale testimoni di giustizia è stata esclusa, è stato invece ammesso - come persona fisica - il suo presidente Ignazio Cutrò.

Fra gli enti ammessi come parti civili ci sono Sicilindustria e la Cgil oltre a una quindicina di imprenditori che avrebbero subito il racket da parte di alcuni imputati. Si torna in aula il 10 dicembre, i difensori degli imputati dovranno comunicare la scelta del rito (abbreviato o ordinario, per questi reati non sono ammessi patteggiamenti) e il processo si dividerà in due tronconi.

agrigentonotizie.it

ARTICOLI CORRELATI

Interrogazione parlamentare Piera Aiello, Cutrò replica alla Commissione

Cutrò: ''Siciliani denunciate, solo così si può essere uomini liberi''

Ignazio Cutrò: ''Non ci arrendiamo, non mi pento della scelta fatta''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa