Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: Fava, ha chiuso con le stragi ma ora crea consenso

Rassegna Stampa

Mafia: Fava, ha chiuso con le stragi ma ora crea consenso

Palermo. "La memoria del procuratore Gaetano Costa e di tanti altri va conservata perché ci racconta che c'è ancora una sfida aperta, forte, drammatica". Lo dice Claudio Fava, presidente della commissione regionale antimafia, in margine alla commemorazione di Costa. "Ho la sensazione - aggiunge - che ci sia però un errore di prospettiva. Il fatto che Cosa nostra abbia scelto in questi anni un profilo basso, meno rumoroso e meno clamoroso, ha portato taluni a pensare che la lotta alla mafia fosse un'occasione per passerelle, carriere, autocertificazioni e non per una militanza civile e per un impegno verso la politica e non soltanto verso la giustizia". "Invece - prosegue Fava - questo è il tempo di darsi da fare senza lasciare ai magistrati il compito di risolvere loro ogni problema. Se la politica decidesse una volta tanto di arrivare il giorno prima e non il giorno dopo lo scioglimento di un comune, il giorno dopo una sentenza o un rinvio a giudizio, se cominciasse ad assumersi la responsabilità di anticipare, prevedere e prevenire faremmo buon uso anche della memoria di persone come il procuratore Costa". Riprendendo il questore Renato Cortese, secondo cui non ci sarà magari la mafia stragista ma è ancora forte, Fava dice: "Sono d'accordo con il questore profondo conoscitore delle cose siciliane. La mafia è diventata un sistema di potere. E sono questi sistemi a essere seducenti: brillano, concedono benevolenza, garantiscono protezione. E' una mafia che non fa stragi, è vero, ma organizza convivi, salotti, affari, garantisce carriere politiche, gestisce il sistema della spesa pubblica. È quindi una mafia che crea consenso. E oggi è una mafia paradossalmente più pericolosa di quella stragista di Corleone che creava terrore ma non consenso".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa