Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: Fava, ha chiuso con le stragi ma ora crea consenso

Rassegna Stampa

Mafia: Fava, ha chiuso con le stragi ma ora crea consenso

Palermo. "La memoria del procuratore Gaetano Costa e di tanti altri va conservata perché ci racconta che c'è ancora una sfida aperta, forte, drammatica". Lo dice Claudio Fava, presidente della commissione regionale antimafia, in margine alla commemorazione di Costa. "Ho la sensazione - aggiunge - che ci sia però un errore di prospettiva. Il fatto che Cosa nostra abbia scelto in questi anni un profilo basso, meno rumoroso e meno clamoroso, ha portato taluni a pensare che la lotta alla mafia fosse un'occasione per passerelle, carriere, autocertificazioni e non per una militanza civile e per un impegno verso la politica e non soltanto verso la giustizia". "Invece - prosegue Fava - questo è il tempo di darsi da fare senza lasciare ai magistrati il compito di risolvere loro ogni problema. Se la politica decidesse una volta tanto di arrivare il giorno prima e non il giorno dopo lo scioglimento di un comune, il giorno dopo una sentenza o un rinvio a giudizio, se cominciasse ad assumersi la responsabilità di anticipare, prevedere e prevenire faremmo buon uso anche della memoria di persone come il procuratore Costa". Riprendendo il questore Renato Cortese, secondo cui non ci sarà magari la mafia stragista ma è ancora forte, Fava dice: "Sono d'accordo con il questore profondo conoscitore delle cose siciliane. La mafia è diventata un sistema di potere. E sono questi sistemi a essere seducenti: brillano, concedono benevolenza, garantiscono protezione. E' una mafia che non fa stragi, è vero, ma organizza convivi, salotti, affari, garantisce carriere politiche, gestisce il sistema della spesa pubblica. È quindi una mafia che crea consenso. E oggi è una mafia paradossalmente più pericolosa di quella stragista di Corleone che creava terrore ma non consenso".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa