Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: Funzionari Polizia, ricordiamo morte Ninni Cassara'

Rassegna Stampa

Mafia: Funzionari Polizia, ricordiamo morte Ninni Cassara'

Lasciato solo con Roberto Antiochia e ucciso da tutte le cosche
Roma. "Nel ricordare i 33 anni dalla morte di Ninnì Cassarà, ucciso sotto gli occhi della moglie Laura, da un plotone di esecuzione di 18 uomini armati di ak47, ci sembra importante ricordare come quel numero spropositato di killer era legato al fatto che ognuna delle famiglie mafiose desiderava che un proprio picciotto partecipasse a quella morte". Lo afferma una nota dell'Associazione Nazionale Funzionari di Polizia. "Oltre 200 colpi per uccidere lui ed un giovane e bravissimo poliziotto come era Roberto Antiochia. Un ragazzo di 23 anni che anche se in ferie aveva deciso di essere vicino e di proteggere il suo capo, sempre più solo. Perché anche dopo 33 anni è fondamentale ricordare come Ninnì Cassarà rimase solo in quei giorni, dopo la morte di Beppe Montana. I motivi tanti: dai latitanti arrestati cercandoli a casa loro, dal rapporto 161+1 che fu alla base del maxi processo, dall'aver fatto i nomi dei fratelli Salvo in una aula di tribunale, per avere indagato su imprenditori e massoni. Troppo sbirro e troppo bravo per poter essere lasciato in vita", prosegue la nota. "Ma tra le pieghe degli eventi che hanno portato alla sua morte, c'è anche un'immagine che dobbiamo ricordare: è quella della moglie Laura, madre dei suoi tre figli, che lo vede morire dal balcone, che scende le scale disperata con la bimba di pochi mesi in braccio e che trova tutte le porte dei vicini sbarrate mentre invoca aiuto. Ricordiamoci di questo. Di come la mafia si nutra, più ancora che di sangue, di paura. Ricordiamocene per evitare che possa ripetersi ancora quella stagione". "Oggi, ricorre altresì l'anniversario della morte del Procuratore Capo di Palermo, Gaetano Costa, ucciso su ordine del capo mafia Salvatore Inzerillo nell'agosto del 1980, perché firmò i mandati di cattura a carico degli Spatola", concludono i funzionari di polizia.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa