Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: cold case nel Nissseno, risolto omicidio dopo 35 anni

Rassegna Stampa

Mafia: cold case nel Nissseno, risolto omicidio dopo 35 anni

Arrestato uno degli esecutori del delitto,l'altro è stato ucciso 
Caltanissetta. A quasi 35 anni dall'omicidio la polizia ed i magistrati della Dda della Procura di Caltanissetta ritengono di aver individuato gli autori materiali dell'uccisione di Vincenzo Vacirca, all'epoca 42enne avvenuto a Niscemi (Cl) l'8 novembre 1983. Gli uomini della squadra mobile nissena, diretta da Marzia Giustolisi, hanno arrestato Domenico 'Mimì' Vaccaro, 64 anni, ritenuto 'uomo d'onore' della famiglia mafiosa di Campofranco, in esecuzione, di un'ordinanza del Gip Marcello Testaquadra. L'altro presunto sicario, Antonino Bevilacqua, è stato poi assassinato. Il "cold case" è stato risolto grazie alla raccolta e all'incrocio di dati raccolti nel tempo. L'omicidio sarebbe maturato nell'ambito di una sanguinosa faida negli anni '80 tra clan del Nisseno. All'arresto si è giunti verificando e riscontrando le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, Salvatore Riggio, Ciro Vara e Antonino Pitrolo e del dichiarante Giancarlo Giugno. L'omicidio sarebbe stata la risposta all'uccisione del capofamiglia di Niscemi, Salvatore Arcerito, 63 anni, assassinato il 30 aprile 1983, e che esponenti dello stesso gruppo addebitavano a Giuseppe Vacirca, fratello di Vincenzo. Ma l''obiettivo' della rappresaglia era all'epoca latitante, così il vertice di Cosa nostra deliberò la 'vendetta' dando ordine di assassinare Vincenzo. Giuseppe Vacirca fu ucciso poi nell'agosto del 1990 Vaccaro è indicato come strettamente legato al boss Giuseppe 'Piddu' Madonia e come uomo di fiducia del boss palermitano Bernardo Provenzano, che annotava il suo nome nei 'pizzini' rinvenuti nel covo del capomafia. Dopo l'arresto di Alessandro Barbieri, nel gennaio 2014, Mimì Vaccaro gli era subentrato nel ruolo di capo provinciale di Cosa nostra della provincia di Caltanissetta. 
 
ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia