Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: cold case nel Nissseno, risolto omicidio dopo 35 anni

Rassegna Stampa

Mafia: cold case nel Nissseno, risolto omicidio dopo 35 anni

Arrestato uno degli esecutori del delitto,l'altro è stato ucciso 
Caltanissetta. A quasi 35 anni dall'omicidio la polizia ed i magistrati della Dda della Procura di Caltanissetta ritengono di aver individuato gli autori materiali dell'uccisione di Vincenzo Vacirca, all'epoca 42enne avvenuto a Niscemi (Cl) l'8 novembre 1983. Gli uomini della squadra mobile nissena, diretta da Marzia Giustolisi, hanno arrestato Domenico 'Mimì' Vaccaro, 64 anni, ritenuto 'uomo d'onore' della famiglia mafiosa di Campofranco, in esecuzione, di un'ordinanza del Gip Marcello Testaquadra. L'altro presunto sicario, Antonino Bevilacqua, è stato poi assassinato. Il "cold case" è stato risolto grazie alla raccolta e all'incrocio di dati raccolti nel tempo. L'omicidio sarebbe maturato nell'ambito di una sanguinosa faida negli anni '80 tra clan del Nisseno. All'arresto si è giunti verificando e riscontrando le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, Salvatore Riggio, Ciro Vara e Antonino Pitrolo e del dichiarante Giancarlo Giugno. L'omicidio sarebbe stata la risposta all'uccisione del capofamiglia di Niscemi, Salvatore Arcerito, 63 anni, assassinato il 30 aprile 1983, e che esponenti dello stesso gruppo addebitavano a Giuseppe Vacirca, fratello di Vincenzo. Ma l''obiettivo' della rappresaglia era all'epoca latitante, così il vertice di Cosa nostra deliberò la 'vendetta' dando ordine di assassinare Vincenzo. Giuseppe Vacirca fu ucciso poi nell'agosto del 1990 Vaccaro è indicato come strettamente legato al boss Giuseppe 'Piddu' Madonia e come uomo di fiducia del boss palermitano Bernardo Provenzano, che annotava il suo nome nei 'pizzini' rinvenuti nel covo del capomafia. Dopo l'arresto di Alessandro Barbieri, nel gennaio 2014, Mimì Vaccaro gli era subentrato nel ruolo di capo provinciale di Cosa nostra della provincia di Caltanissetta. 
 
ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...

I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...


PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...


L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

by Stefano Baudino

Da chi è stata composta e quali trasformazioni...


L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa