Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia A Catania Libera fa i suoi ''100 passi verso il 21 marzo'' e con Legambiente pianta alberi dedicandoli a 20 vittime delle mafie

Rassegna Stampa

A Catania Libera fa i suoi ''100 passi verso il 21 marzo'' e con Legambiente pianta alberi dedicandoli a 20 vittime delle mafie

20180307 alberi per catania legambienteÈ nell’ambito dei progetti 100 Alberi per Catania di Legambiente e 100 passi verso il 21 marzo di Libera, che alle 10 di mercoledì 7 marzo, nel primo tratto di via Plebiscito (dal n.1 in poi), a Catania, saranno piantumati 20 alberi dedicati ad alcune vittime delle mafie. Una decisione, quella di ricordare coloro che sono stati colpiti dalla violenza di cosa nostra, presa insieme ai residenti del quartiere, ai commercianti, agli alunni dell'Istituto Comprensivo “Vespucci - Capuana Pirandello” e a coloro che hanno donato le piante.
Un momento importante, quello in programma, che si realizza grazie alla sinergia tra tante realtà.
"Per dare ancora più valore a questo momento che vede particolarmente partecipi i cittadini - afferma Giuseppe Vinci, referente di Libera Catania - abbiamo pensato che fosse importante dedicare gli alberi da loro donati ad alcune vittime assassinate per aver difeso l'ambiente e ad altre legate al territorio catanese. In tal modo non potranno mai più essere dimenticate perché il loro ricordo crescerà e si nutrirà di terra buona".
Nello specifico, coloro a cui saranno dedicati gli alberi sono: Roberto Mancini (Perugia), poliziotto, morto dopo una battaglia lunga 12 anni, le cui indagini hanno anticipato di 15 anni il disastro della Terra dei Fuochi; Natale De Grazia (Nocera Inferiore, Sa), a partire dal 1994 collaborò attivamente col pool investigativo della procura di Reggio Calabria sul traffico di rifiuti tossici e/o radioattivi. Si sospetta che possa essere stato avvelenato; Renata Fonte (Nardò (Lecce), fu  la prima donna assessore che il P.R.I. vantò a Nardò. Venne assassinata a pochi passi dal portone di casa, mentre rientrava da un consiglio comunale; Angelo Vassallo (Pollica Acciaroli, Sa), primo cittadino, ucciso in un attentato la cui sospetta matrice camorristica è tuttora oggetto di indagini da parte della 20180321 solchi di verita catania liberamagistratura; Giovanni La Greca, Riccardo Cristaldi, Lorenzo Pace e Benedetto Zuccaro, quattro piccoli scippatori, sequestrati e trucidati barbaramente per aver scippato la borsa alla mamma di Nitto Santapaola; Alfredo Agosta (1982), maresciallo dei Carabinieri; Pippo Fava (1984), giornalista; Beppe Montana (1985), commissario di PS, dirigente della sezione Catturandi della Squadra Mobile di Palermo; Giovanni Lizzio (1992), ispettore di PS, responsabile della Sezione Antiracket della Squadra Mobile di Catania; Antonino, Pietro e Salvatore Spartà (1993), pastori di Randazzo ribellatisi al pizzo; Luigi Bodenza (1994), guardia penitenziaria; Serafino Famà (1995), avvocato penalista.
La partecipazione all’iniziativa è libera. Chiunque, infatti, se lo vorrà, potrà essere parte "attiva" di questo progetto.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...

I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...


PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...


L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

by Stefano Baudino

Da chi è stata composta e quali trasformazioni...


L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa