Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia E' morto Stefano Ganci, uno dei fedelissimi di Toto' Riina

Rassegna Stampa

E' morto Stefano Ganci, uno dei fedelissimi di Toto' Riina

via damelio c reutersStava scontando l’ergastolo nel carcere di Parma. Capo del mandamento Noce, è stato stroncato da un infarto a 55 anni. Aveva fatto parte del commando che pedinò Paolo Borsellino la mattina della strage del 19 luglio 1992

E' morto Stefano Ganci, uno dei fedelissimi di Totò Riina, che stava scontando l’ergastolo nel carcere di Parma, come il boss corleonese. Capo del mandamento Noce, è stato stroncato da un infarto a 55 anni. La Procura - come da prassi - ha disposto l’autopsia, per fugare ogni dubbio. Era stato condannato a vita per gli omicidi di Rocco Chinnici e Ninni Cassarà (1985) ma anche per l'operazione Perseo, il maxi-blitz contro le cosche che portò in carcere 98 tra boss e gregari accusati di mafia, estorsione e traffico di droga. Gli inquirenti scoprirono anche un tentativo di ricostituzione della commissione provinciale di Cosa nostra.

Negli anni scorsi durante un interrogatorio davanti al giudice Nino Di Matteo il collaboratore di giustizia Antonino Galliano rivelò che Stefano Ganci - pochi minuti prima dell'attentato al giudice Borsellino, in via D'Amelio - aveva "anticipato" la strage con queste parole: ''Sentiti 'u buotto!" (senti il botto). Ganci infatti aveva fatto parte del commando che pedinò Paolo Borsellino la mattina della strage del 19 luglio 1992.

Proprio il padre - Raffaele Ganci - 86 anni, sta scontando l'ergastolo ed era un membro della "Commissione provinciale" di Cosa Nostra. Affiliati alla cosca della Noce, i Ganci (c'è anche l'altro fratello, Domenico) sono sempre stati strettamente legati ai Corleonesi di Riina. La famiglia Ganci gestiva un'avviata macelleria in via Lo Jacono, vicino alle residenze dei giudici Rocco Chinnici, in via Pipitone Federico, e di Giovanni Falcone.

Il terzo fratello di Stefano - Calogero Ganci - divenne un pentito e un testimone chiave nel 1996, confessando oltre 100 omicidi. Testimoniò contro suo padre e i suoi fratelli sul loro coinvolgimento negli assassini del giudice Chinnici, di Ninni Cassarà, del capitano D'Aleo e del primo pentito di mafia, Leonardo Vitale. Il questore ha vietato i funerali pubblici.

palermotoday.it

Foto © Reuters

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca