Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Inchiesta mafia e rifiuti, scarcerato Rodolfo Briganti della ''Senesi''

Rassegna Stampa

Inchiesta mafia e rifiuti, scarcerato Rodolfo Briganti della ''Senesi''

briganti rodolfoIl Tribunale del Riesame di Catania ha disposto la scarcerazione di Rodolfo Briganti, il rappresentante legale della “Senesi spa”, società che gestisce la raccolta dei rifiuti in diversi comuni delle province di Napoli e Caserta, tra cui Aversa, Casal di Principe, Gricignano, Castel Volturno e Mondragone. L’imprenditore era stato arrestato il 28 novembre scorso, dalla Dia di Catania, per corruzione nell’ambito dell’inchiesta ‘Gorgoni’, insieme ad altri 15 indagati, per presunte irregolarità nella gestione della raccolta e smaltimento di rifiuti nel Comune di Aci Catena (leggi qui). Contestualmente, il tribunale ha disposto anche il dissequestro dell’azienda, finita in amministrazione controllata dopo l’arresto del dirigente. Nei giorni scorsi era stata anche disposta la sospensione dell’interdittiva e il reinserimento nella ‘White List’ della Prefettura di Fermo quale azienda esente dal pericolo di infiltrazioni camorristiche (leggi qui). Il Tribunale del Riesame di Catania ha disposto la scarcerazione di Rodolfo Briganti, il rappresentante legale della “Senesi spa”, società che gestisce la raccolta dei rifiuti in diversi comuni delle province di Napoli e Caserta, tra cui Aversa, Casal di Principe, Gricignano, Castel Volturno e Mondragone. L’imprenditore era stato arrestato il 28 novembre scorso, dalla Dia di Catania, per corruzione nell’ambito dell’inchiesta ‘Gorgoni’, insieme ad altri 15 indagati, per presunte irregolarità nella gestione della raccolta e smaltimento di rifiuti nel Comune di Aci Catena (leggi qui). Contestualmente, il tribunale ha disposto anche il dissequestro dell’azienda, finita in amministrazione controllata dopo l’arresto del dirigente. Nei giorni scorsi era stata anche disposta la sospensione dell’interdittiva e il reinserimento nella ‘White List’ della Prefettura di Fermo quale azienda esente dal pericolo di infiltrazioni camorristiche (leggi qui).

pupia.tv

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca