Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: blitz Palermo; marciapiedi come confini mandamenti

Rassegna Stampa

Mafia: blitz Palermo; marciapiedi come confini mandamenti

"I boss si spartiscono la città metro per metro" 
Palermo. Si spartiscono la città metro per metro, fissando i confini tra un mandamento e l'altro con estrema precisione. Fino a indicare da quale marciapiede e numero civico inizi e finisca la zona di influenza di ciascun clan. E' uno dei particolari dell'inchiesta della dda di Palermo sulle cosche di san Lorenzo e Resuttana che, ieri, ha portato all'arresto di 25 tra boss ed estortori palermitani. Pietro Salsiera e Sergio Macaluso, che dopo la destituzione del capomafia Giovanni Niosi, hanno assunto il comando del mandamento di Resuttana insieme a Sergio Napolitano, passeggiavano in auto in via Dante e conversavano non sapendo di essere intercettati. "Da qua in poi, ai numeri 56 e 58 è nostro - dicevano indicando i confini del clan in via Dante, a Palermo. Di qua è centro". Dove per 'centro' si intendeva il limite del mandamento di Palermo Centro. "Loro - aggiungevano riferendosi a Palermo centro - sono enormi". La ripartizione in zone di influenza è necessaria per la riscossione del pizzo: ciascun negoziante, imprenditore o titolare di locali sa esattamente a chi deve pagare la tangente mafiosa. L'elenco delle vittime del racket accertate dall'inchiesta è lungo: sono 22 le estorsioni, tentate e consumate, scoperte. Solo il proprietario della pizzeria La Braciera ha denunciato la visita degli estorsori. Silenzio assoluto da parte degli altri taglieggiati che non hanno neppure segnalato i danneggiamenti subiti. 

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa