Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: Ps di Catania sequestra beni per 12 milioni di euro

Rassegna Stampa

Mafia: Ps di Catania sequestra beni per 12 milioni di euro

polizia 113 610Aziende settore rifiuti, inchiesta su clan Cappello Bonaccorsi 
CATANIA. Beni per 12 milioni di euro sono stati sequestrati dalla polizia di Stato di Catania nell'ambito di un'inchiesta della Dda della Procura etnea sul clan mafioso Ceppello Bonaccorso. Il provvedimento riguarda diverse aziende del settore della gestione dei rifiuti. Particolari sull'operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 nella Questura di Catania.
Il sequestro è stato disposto dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale su richiesta del Questore di Catania, Giuseppe Gualtieri, e riguarda beni ritenuti riconducibili a Giuseppe Guglielmino, 43 anni, attualmente detenuto. La sua attività di imprenditore, secondo indagini della Polizia Anticrimine e della Squadra Mobile, è ritenuta "orbitante nell'area di influenza della cosca Cappello Bonaccorsi". L'indagato è il convivente della figlia di Orazio Pardo, esponente di vertice della cosca mafiosa, e cugino di Salvatore Trepiccione e Michele Guglielmino, anch'essi indicati come contigui allo stesso clan. In passato è stato denunciato per associazione mafiosa, bancarotta fraudolenta e intestazione fittizia di beni. Sigilli, in attesa della definitiva confisca, sono stati posti a sei imprese tutte operanti nel settore della gestione dei rifiuti, oltre a beni immobili, autoveicoli, conti correnti e depositi per un valore stimato di circa 12 milioni di euro. Il sequestro ha interessato la totalità delle quote e l'intero patrimonio aziendale della Geo Ambiente di Belpasso, della Consulting Business di Guglielmino Giuseppe di San Gregorio di Catania, della Clean Up di Motta Sant'Anastasia, della Eco Logistica di Aci Sant'Antonio, della Eco Business di Siracusa e della Work Uniform di Catania. Sigilli sono stati posti anche a sette fabbricati a 11 veicoli. Per la Questura di Catania, Guglielmino sarebbe "un soggetto socialmente pericoloso, scaltro e particolarmente attento agli affari, con investimenti di denaro orientati alla costituzione di numerose società, generalmente afferenti il settore della raccolta e smaltimento dei rifiuti". E, secondo le indagini della Squadra Mobile della Polizia Anticrimine, sarebbe anche un imprenditore "spregiudicato" che "poteva agevolmente aggiudicarsi appalti, minando pericolosamente l'economia sana del territorio". Un uomo "attento e oculato nella gestione dei ricchi proventi" che erano "investiti in beni mobili e immobili, intestati fittiziamente a terzi, per lo più parenti".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta