Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: Dia Catania confisca beni per 1,3 mlm

Rassegna Stampa

Mafia: Dia Catania confisca beni per 1,3 mlm

di AMDuemila
Questa mattina la Direzione Investigativa Antimafia di Catania ha eseguito il decreto di confisca beni nei confronti di un imprenditore di Augusta (SR), operante nel settore del movimento terra e del trasporto merci conto terzi. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Siracusa.
Nel 2014 l'uomo era stato arrestato nell’operazione “Prato Verde” in quanto gravemente indiziato di associazione per delinquere di stampo mafioso.L’imprenditore era accusato di fare parte, insieme ad altri soggetti, dell’associazione mafiosa denominata “Cappello”, in particolare del gruppo del “Carateddu” diretto da Orazio Privitera e Sebastiano Lo Giudice.
La confisca riguarda beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie a vario titolo riconducibili al soggetto, per un valore complessivo di oltre 1,3 milioni di euro.
I beni confiscati sono riconducibili all'imprenditore Francesco Pasqua. Dopo l’arresto per associazione mafiosa è stato scarcerato, ma il procedimento penale risulta ancora pendente. Secondo l'accusa l’imprenditore avrebbe favorito la latitanza di Privitera: quest'ultimo dall'ottobre 2009 al gennaio 2010 si era sottratto all'esecuzione del decreto di fermo emesso a suo carico nell'ambito dell'operazione di polizia denominata "Revenge". E' proprio durante le indagini sulla latitanza di Privitera che è emersa la figura di Pasqua, fino a quel momento estraneo alle cronache giudiziarie, per aver fornito supporto logistico. Secondo quanto rilevato dal Tribunale di Siracusa l'appartenenza dell'imprenditore al clan mafioso sarebbe iniziata tra il 2006 e il 2007.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta