Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: mani su Castelvetrano, commissione prefettizia al Comune

Rassegna Stampa

Mafia: mani su Castelvetrano, commissione prefettizia al Comune

Trapani. Commissione d'indagine al Comune di Castelvetrano, citta' del padrino di Cosa nostra Matteo Messina Denaro. Il prefetto di Trapani Giuseppe Priolo, su delega del ministro dell'Interno, ha disposto l'accesso presso l'amministrazione comunale per verificare "l'eventuale sussistenza di collegamenti diretti o indiretti con la criminalita' organizzata di tipo mafioso dell'amministrazione comunale", ovvero, spiega la prefettura, "forme di condizionamento tali da determinare un'alterazione del procedimento di formazione della volonta' degli organi elettivi e amministrativi e da compromettere il buon andamento o l'imparzialita' della stessa". La commissione si e' insediata oggi in Municipio. Avra' anche il compito di verificare il regolare funzionamento dei servizi affidati all'amministrazione, ovvero che risultino tali da arrecare "grave e perdurante pregiudizio per lo stato della sicurezza pubblica". Porta la data del 17 marzo il decreto di nomina della Commissione di indagine, costituita da tre dirigenti della pubblica amministrazione, affiancati, con compiti di consulenza specialistica e supporto tecnico, da ufficiali e funzionari delle forze di polizia e della Direzione investigativa antimafia. Una svolta al Comune amministrato da Felice Errante, che arriva alla vigilia della grande manifestazione regionale organizzata a Trapani in occasione delle XXII Giornata della memoria e dell'impegno, promossa da Libera, in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.
Quasi un anno fa, il 20 luglio, la citta' era stata al centro della visita della Commissione nazionale antimafia. "Castelvetrano non e' una citta' come tutte le altre e non puo' permettersi tre assessori iscritti alla massoneria. La vicenda e' inquietante", aveva detto allora la presidente Rosy Bindi. E e quattro mesi prima, nel marzo 2016, si era dimessa la maggioranza dei consiglieri, facendo decadere l'assembleao: una decisione clamorosa contro il consigliere che era stato intercettato mentre lodava Messina Denaro.

AGI

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta